Domenica 17 Febbraio17:30:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

‘Happening Karis': al Palacongressi di Rimini le scuole della Karis si mettono alla prova e incontrano la città

Eventi Rimini | 11:28 - 18 Ottobre 2018 ‘Happening Karis': al Palacongressi di Rimini le scuole della Karis si mettono alla prova e incontrano la città

Le scuole della Karis escono dalle mura delle sedi scolastiche per incontrare la città, per raccontare e mostrare tutto l’impegno, la passione educativa e la dedizione profusa quotidianamente nelle aule. Il desiderio è che impegno e passione educativa diventino una risorsa per la comunità locale.

È il senso del primo Happening Karis che si tiene sabato 20 ottobre dalle 15 in poi al Palazzo dei Congressi di Rimini. È un pomeriggio in cui le scuole della Karis si mettono alla prova, facendo vedere come ogni giorno si concretizza l’obiettivo di educare i giovani secondo tutte le dimensioni della ragione umana, della creatività e della libertà. È stata questa la molla che nei primi anni Settanta ha spinto un gruppo di genitori ad aprire il primo asilo, è questo ciò che muove ogni giorno i 1.300 alunni (dalle scuole dell’infanzia al liceo) e i 130 insegnanti.

Sabato 20 dalle ore 15.00 alle 17.30 al Palacongressi di Rimini, le scuole della Karis si metteranno a disposizione in quattro spazi dedicati (uno per livello scolastico): qui sarà possibile incontrare i protagonisti della scuola - studenti, insegnanti e dirigenti - e prendere il materiale informativo delle scuole.

Inoltre nell’area Karis Lab sarà possibile vedere studenti e insegnanti alla prova in attività didattiche e veder raccontate in mostre, laboratori e spazi espositivi le diverse attività che compongono la vita dei quattro livelli di scuole: infanzia, primaria, medie e licei.

Alle 17.30 l’evento clou della giornata: “Seguire un maestro. L’esempio di Dante Come il disegnatore dei super eroi ha incontrato l’autore della Divina Commedia”, un momento di dialogo e confronto sull’educazione a partire dall’esperienza di due grandi maestri che sono diventati amici grazie alla comune passione per Dante: un insegnante, Franco Nembrini, e Gabriele Dell’Otto, uno degli otto illustratori della Marvel, autore delle illustrazioni del libro Dante Alighieri – Inferno di prossima uscita da Mondadori. Per l’occasione al Palacongressi ci sarà l’esposizione straordinaria di 20 tavole tratte dal volume.

Il titolo dell’incontro sarà “Seguire un maestro. L’esempio di Dante”: tutto il tema educativo si gioca, infatti, nel trovare dei buoni maestri che sappiano indicare la strada per entrare dentro la realtà, capirla, farla propria, in modo da diventare capaci di iniziativa e creativi.

Franco Nembrini è un professore di Bergamo. Ha sempre insegnato e anche adesso che è “in pensione” continua a girare il mondo, letteralmente, per parlare dei suoi autori preferiti e far innamorare migliaia di giovani della Commedia di Dante e di altre opere immortali.

Qualche anno fa incontra per caso Gabriele Dell’Otto, uno degli otto illustratori al mondo autorizzato dalla Marvel a disegnare i famosi super eroi. La passione irrefrenabile di Nembrini colpisce profondamente Dell’Otto, tanto da fargli desiderare di approfondire questa conoscenza. Un incontro quasi casuale, dal quale misteriosamente nasce un sodalizio culturale ed artistico che fiorisce quasi naturalmente in una collaborazione fra i due maestri. In quel periodo, infatti, Franco Nembrini è intento nella stesura del primo dei tre volumi della collana “La Commedia di Dante”, trilogia il cui primo volume è di prossima uscita a cura di Mondadori; i due si vedono, si scambiano letture, impressioni e commenti; Gabriele Dall’Otto inizia a disegnare i racconti danteschi commentati da Nembrini, come a voler incarnare su tela il fascino trasmessogli dal professore. I dialoghi continuano e improvvisamente appare chiaro che il progetto originale del libro si è evoluto all’interno di una amicizia: il libro di Nembrini deve contenere le tavole disegnate da Dell’Otto, la stima vicendevole ha creato un sodalizio artistico che, a sua volta, ha generato una novità editoriale.