Mercoledì 03 Marzo16:34:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Allo Yes Touring Hotel lo yoga della risata: il sorriso come fonte di benessere per il corpo

Attualità Rimini | 13:10 - 27 Settembre 2018 Allo Yes Touring Hotel lo yoga della risata: il sorriso come fonte di benessere per il corpo

Riscoprire il senso di comunità messo a dura prova dalla frenesia della vita quotidiana ed essere più felici. Perché la ricerca ha “scoperto” che il fattore più potente del benessere è dato dalla qualità delle relazioni  umane. E’ possibile grazie ai Club della Risata, il cuore del Movimento dello Yoga della Risata, che è riunito, da ieri al 30 settembre, allo Yes Touring Hotel di Rimini per il Ritiro Spirituale e l’Advanced Course, seguiti dal 2° Congresso italiano, alla presenza del suo fondatore, il medico indiano Dott. Madan Kataria e di sua moglie Madhuri. Un evento organizzato da Lara Lucaccioni, principale Master Trainer italiana della pratica, in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale Yorido, e a cui è possibile partecipare secondo diverse formule.


Sono 5 giorni dedicati alla rivoluzionaria pratica prevalentemente di gruppo nata in India nel 1995 e oggi diffusa in tutto il mondo, basata sull’idea unica che tutti possono ridere per scelta e in assenza di umorismo come esercizio fisico, ottenendo così un enorme benessere, come poche altre discipline riescono a fare. Da ieri a domani 28 settembre, Madan Kataria sarà impegnato in un ritiro per condividere il suo messaggio di unione e pace nel mondo attraverso la risata e tutte le ultime applicazioni dello Yoga della Risata. Da domani 28 a domenica 30 settembre, il suo keynote speech dal titolo "Come portare lo Spirito Interiore della Risata nella vita quotidiana" darà il via al 2° Congresso nazionale, con i principali esponenti italiani e non solo della pratica che racconteranno gli importanti risultati ottenuti nei vari campi di applicazione terapeutica quali: aziende, scuole, famiglie con genitori-figli, sport, carceri, ambienti sanitari con le persone disabili, gli anziani e i malati di Alzheimer, i pazienti oncologici, gli utenti psichiatrici, i tossicodipendenti.


Il primo Club della Risata nacque nel 1995 in un parco pubblico di Mumbai con sole 5 persone, oggi sono migliaia diffusi in oltre 100 Stati di cui oltre 400 solo in Italia. Sono luoghi gratuiti dove praticare in gruppo lo Yoga della Risata, disciplina che combina la respirazione profonda dello yoga a esercizi fisici di risata, scatenando una produzione biochimica di grande benessere, dall’effetto antidepressivo e ansiolitico, purché si rida per 10-15 minuti, e innumerevoli altri benefici fisici, emotivi, mentali e sociali. La scienza ha infatti dimostrato che il fisico non distingue tra risata spontanea e autoindotta, che diventa poi autentica per effetto dei neuroni specchio.




Tra gli oltre 35 relatori del Congresso, ne segnaliamo alcuni con relativa intervista: Alessandro Bedini, psicologo e psicoterapeuta, fondatore dell’Accademia della Risata - “Psicologia del benessere: una risata contro lo stress. Ridere, una cosa seria”; Vittorio Fusco, Leader YDR e Dirigente medico oncologo - “Ridere per curar-si. L’esperienza ad Alessandria con pazienti, caregiver, operatori professionali della salute, volontari”; Lara Lucaccioni, Master Trainer e Ambasciatrice di Yoga della Risata, trainer di Heartmath “Diffondere la risata grazie alla coerenza cardiaca” Veruscka Gennari e Daniela Di Ciaccio, fondatrici dell’Agenzia 2BHappy - “La scienza delle organizzazioni positive”; Silvia Martorelli, Teacher YDR e insegnante - “Jonkey the monkey – La maieutica della gioia a scuola e in famiglia”; Antonella Sancius, Teacher Ydr e coordinatrice infermieristica - “Stavolta mi faccio di risate: lo YDR in una comunità di accoglienza per tossicodipendenti adulti e minori”. Il Congresso farà inoltre il punto sulla ricerca italiana sullo Yoga della Risata. Previsto, infine, spazio per la meditazione della Risata con Madan Kataria, la Funny Night, le Laughter e Joy Dance, i workshop di gioco e gibberish.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >