Mercoledý 03 Marzo16:12:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Polo regionale delle Fiere, sindaco di Bologna favorevole a intesa con Rimini e Parma

Attualità Emilia Romagna | 12:12 - 27 Settembre 2018 Polo regionale delle Fiere, sindaco di Bologna favorevole a intesa con Rimini e Parma

Un'unione tra Bologna, Rimini e Parma e poi, magari, l'intesa con Milano per dare vita alla "prima Fiera italiana e la seconda in Europa. Noi guardiamo a tutto: la nostra è una Fiera in piena espansione". Lo ha detto, toccando il tema della nascita un polo fieristico regionale con uno sguardo sulla Lombardia, il sindaco di Bologna, Virginio Merola partecipando al forum dell'ANSA. La proposta che "mettiamo in campo", ha osservato, "ruota su due prospettive: una riguarda una organica fusione tra Bologna, Rimini e Parma, l'altra è quella di una società che porti insieme le fiere all'estero. Rimini intende quotarsi in Borsa - ha proseguito - e io credo sia saggio aspettare l'esito questa quotazione. Credo che andrà bene e una volta conclusa la quotazione metteremo al lavoro gli advisor sia sulla proposta di Rimini che di Bologna: noi riteniamo che fin da subito" l'intesa "debba comprendere Parma, mentre loro suggeriscono prima" di fare il passo "Bologna-Rimini e dopo pensare a Parma". Passaggi che poi dovrebbero essere seguiti da un avvicinamento a Milano. "L'area metropolitana di Bologna - ha argomentato Merola - comprende già Modena e Ferrara, la regione metropolitana ingloba Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e parte del Piemonte: l'idea che un accordo con Milano comprometterebbe l'Emilia-Romagna è una concezione localistica e arretrata dell'interesse del Paese. L'accordo con Milano - ha sottolineato - permetterebbe di fare la prima fiera italiana e la seconda in Europa: che questo venga preso come spoliamento la dice lunga con l'arretratezza della Lega e del M5S". 

< Articolo precedente Articolo successivo >