Luned́ 01 Marzo14:59:43
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ciclabile sul Marecchia, WWF scrive ai sindaci "pericoloso passeggiare, bisogna intervenire"

Attualità Rimini | 12:07 - 27 Settembre 2018 Ciclabile sul Marecchia, WWF scrive ai sindaci "pericoloso passeggiare, bisogna intervenire"

Il WWF Rimini, a firma del presidente Claudio Papini, ha inoltrato ai Sindaci dei comuni interessati dall'attraversamento della pista ciclopedonale del Marecchia, la richiesta di un provvedimento urgente per ad ottenere l'incolumità delle persone che transitano sia a piedi che in bicicletta che a cavallo lungo la pista che costeggia il fiume. 

Con l'inizio della stagione venatoria nei giorni previsti di caccia, soprattutto nei fine settimana e festivi, la zona è stata interessata da diversi cacciatori. In questa occasione si era verificato anche un episodio grave:  un ciclista era stato colpito da un pallino da caccia vagante vicino a un occhio mentre pedalava sulla ciclabile lungo il fiume Marecchia.

Il WWF ha richiesto l'installazione di apposita cartellonistica con l'indicazione del divieto di caccia per garantire e rendere evidente il divieto nell’intera zona.

Nella nota inviata il WWF ha ricordato ai sindaci che "rientra nei loro doveri istituzionali e obblighi di legge, anche per il tramite di ordinanze contingibili e urgenti, provvedere alla tutela della sicurezza ed incolumità pubblica"

Viene anche chiesto agli enti locali l'intervento della Polizia Giudiziaria per azioni di controllo, prevenzione e repressione.

Il WWF teme che con l'avvio della stagione di caccia, si possano verificare altri spiacevoli incidenti ai danni di chi vuole usare la pista ciclopedonale con fini di svago.

"Questa perdurante situazione di pericolo oggettivo ha prodotto un allarme diffuso e crescente e c'è il rischio, soprattutto nei fine settimana, che i fruitori del percorso possano  essere raggiunti da colpi di arma da fuoco escludendo la possibilità di fruire pienamente della sacrosanta libertà di movimento e godimento della vita in campagna per i cittadini: sabato, domenica e giorni festivi si vive in regime di semi-libertà. 

Il WWF rimarca che è nelle prerogative dei Sindaci, dettate dall’art.54, del Decreto Legislativo n.267 del 18 agosto 2000 (sulle autonomie locali) intervenire in merito."

< Articolo precedente Articolo successivo >