Luned́ 08 Marzo10:39:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dalla Pescheria di Rimini a Sant'Agata Feltria, in altavalmarecchia arrivano i cuochi della Brigata del Diavolo

Attualità Sant' Agata Feltria | 10:50 - 24 Settembre 2018 Dalla Pescheria di Rimini a Sant'Agata Feltria, in altavalmarecchia arrivano i cuochi della Brigata del Diavolo

Il viaggio dei sensi di Romagna Osteria, il progetto ideato dalla Brigata del Diavolo dei cuochi sognatori per “portare il buono nel bello” e sviluppato da Destinazione Romagna per farne un vero e proprio prodotto turistico attraverso cui promuovere attraverso i suoi migliori cuochi tutta la Romagna, si rimette in marcia. 

Dopo aver fatto rivivere lo scorso mercoledì 12 settembre la Vecchia Pescheria di Rimini riproponendola a distanza di oltre mezzo secolo quale mercato ittico, piccolo bistrot e poi in serata ristorante di gala, venerdì 28 settembre si torna a salire negli scorci più belli e suggestivi della Valmarecchia. A Sant’Agata Feltria per la precisione, fra Rocca Fregoso e il teatro Mariani, dove c’è racchiuso un mondo di storia, di favole, di musica e di quotidianità lenta ma viva che sarà ripercorsa per un’intera giornata.

Al pomeriggio ( ore 17.30) sarà disponibile una visita guidata nell’imponente Rocca Fregoso: di antichissima datazione, prima baluardo militare poi coi Montefeltro dimora principesca oggetto di innumerevoli interventi e mutazioni fino a trasformarsi ai giorni nostri in tempio del sogno e della fantasia grazie ad Antonio Faeti, letterato, insegnante, pedagogista nativo di Sant'agata e ideatore della “Rocca delle Fiabe”, museo multimediale sulla letteratura per l’infanzia ma di grandissima attrattiva per il pubblico di tutte le età. 

Scendendo dal castello, a poca distanza, si raggiunge Piazza Garibaldi, centro della vita cittadina e sede del Teatro Mariani, un gioiellino di architettura settecentesca, completamente in legno - 99 posti di capienza distribuiti fra la platea e tre ordini di balconate - dove alle 19 si terrà lo spettacolo con Lorenzo Bartolini che interpreterà canti tratti da “Miele” di Tonino Guerra con l’accompagnamento musicale di Lorenzo Gasperoni ed Enrico Farnedi. 

Dopo lo spettacolo, verso le 20, sotto la loggia del teatro, ecco l’aperitivo preparato dai cuochi della Brigata (con piccola dedica al tartufo di cui a ottobre si terrà la 34esima fiera e bollicine di Bolé Wine), che, subito dopo, si trasferiranno nella sottostante Sala delle Scuderie dove si svolgerà la serata.

A tavola, a far compagnia ai piatti una selezione di etichette, di una storica azienda romagnola, Braschi, che per l’occasione proporrà 4 vini provenienti dai vigneti di Mercato Saraceno e Cesena

Pillole di teatro-poesia di Formazione Minima intratterranno il pubblico fra canzoni suonate, cantate, recitate, vissute.

LA BRIGATA 

Il menu di sette piatti sarà opera collettiva a cura di Riccardo Agostini (Il Piastrino di Pennabilli), Omar Casali (Maré di Cesenatico), Tiziano Rossetti (Angolo Divino di Urbino), Massimiliano Mussoni (La Sangiovesa di Santarcangelo) e Claudio di Bernardo (Grand Hotel di Rimini).

IL MENU

- Frittata morbida latte aringa e tartufo

- Battuta di romagnola ricci vongole e parmigiano

- Baccalà in raviolo, verze, pecorino e rosmarino fritto

- Ricciola, mela abbondanza e pepe

- Lasagnetta autunnale con trombette dei morti e stracotto d'asino

- Costina di maiale da latte, chuteney di zucca, saba e rosmarino

- Mille foglie alla crema di marroni salsa al nocino.

< Articolo precedente Articolo successivo >