Domenica 07 Marzo06:41:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Evasione fiscale in azienda ittica, sequestrati beni per 400mila euro. Scoperti 88 lavoratori in nero

Cronaca Rimini | 14:58 - 17 Settembre 2018 Evasione fiscale in azienda ittica, sequestrati beni per 400mila euro. Scoperti 88 lavoratori in nero

Un imprenditore riminese, 56 anni e attivo nel settore della lavorazione del pesce, è ai domiciliari, dopo l'esecuzione di un'apposita ordinanza emessa dal Gip Benedetta Vitolo ed eseguita dalla Guardia di Finanza, contestualmente al sequestro di beni e disponibilità finanziarie per 400.000 euro. Nei confronti dell'uomo, così come di altri quattro soggetti a loro volta indagati, i finanzieri hanno ipotizzato reati fallimentari e tributari, a seguito del fallimento di due aziende operanti nel settore del commercio e lavorazione del pesce fresco e surgelato. Dalle indagini delle 'Fiamme Gialle' è emersa illecita distrazione di beni e denaro (1,5 milioni di euro) attraverso trasferimenti verso società italiane ed estere, in particolare due con sede in Marocco, sempre riconducibili agli indagati, nonché l'emissione di mezzo milione di euro di fatture per operazioni inesistenti, emesse da due società a responsabilità limitata con sedi a Venezia e Rovigo. Sono in arrivo anche sanzioni amministrative dall'Ispettorato del lavoro: una delle due società gestite dagli indagati e poi fallite, impiegava 88 lavoratori irregolarmente assunti, con retribuzione fuori busta di oltre 400 mila in meno di due anni.

< Articolo precedente Articolo successivo >