Sabato 14 Dicembre11:04:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coriano, Tenuta Santini pronta ad accogliere 'Ridi per Bacco'. Ospite il comico Antonio Ornano

Eventi Coriano | 16:41 - 03 Agosto 2018 Coriano, Tenuta Santini pronta ad accogliere 'Ridi per Bacco'. Ospite il comico Antonio Ornano

Sabato 4 agosto a Coriano andrà in scena l’evento conclusivo “Ridi per Bacco”, la rassegna estiva organizzata da Tenuta Santini in collaborazione con Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini e la direzione artistica della Compagnia Fratelli di Taglia. Alle ore 20, nel verde giardino circondato dai colli, si comincia ad assaporare le prime specialità della casa. Un ricco buffet accoglierà i partecipanti a cui saranno abbinati deliziosi vini prodotti dalla Tenuta Santini. Alle 22 poi è la volta dell’ospite della serata: Antonio Ornano. Il celebre comico ligure diventato famoso a Zelig porterà sul palco della Tenuta sotto le Stelle lo spettacolo “Antology”, un racconto di vita profondamente segnato da tante figure evocate in scena: registi bipolari, life coach, muratori - ma soprattutto la figura femminile vincente e prevaricatrice, la dolce “Crostatina” che altri non è se non la dolce metà di Ornano.

Ad accogliere gli intenditori del buon gusto, alle ore 20 dunque ricca cena buffet a base di prodotti a Km zero, tipici del territorio, con antipasti, primi e secondi piatti della tradizione, rivisitati con creatività artigianale e dolci prelibati. Il tutto esaltato dai vini della Tenuta Santini presentati dal padrone di casa Sandro Santini. Come anticipato alle ore 22 ecco salire sul palco Antonio Ornano con il suo spettacolo “Antology”. Il Recital di Antonio Ornano è uno spettacolo da stand up comedian, al naturale, senza orpelli scenografici e senza travestimenti. Una confessione a cuore aperto davanti a un pubblico visto come un gruppo di auto aiuto insieme al quale condividere debolezze, frustrazioni e ossessioni che spaziano dalla vita di coppia, ai figli, fino agli animali domestici.

E’ un racconto di vita profondamente segnato da tante figure evocate in scena: registi bipolari, life coach, muratori - ma soprattutto una figura femminile vincente e prevaricatrice, la dolce “Crostatina” che altri non è se non la dolce metà di Ornano. Il maschio contemporaneo descritto nello spettacolo è tutt’altro che dominante, è un padre e un marito spesso inadeguato e compresso da responsabilità e incombenze che lo portano a sfoghi di rabbia tanto tumultuosi quanto liberatori, per lui e per un pubblico che non può che provare empatia rispetto a situazioni che tutti abbiamo vissuto. Chi non ha dovuto assecondare le passioni di una moglie per i Mercatini di Natale, per i tupperware, per la cabina armadio, per la continua rivoluzione dei mobili di casa. Chi di noi, in partenza per le vacanze, non ha mai dovuto fare i salti mortali per infilare i bagagli di una moglie dentro la macchina. E quante donne, quante mogli, tollerano l’insana  passione dei propri partner per il barbecue? Siamo pieni di paure, ma alle volte certe paure, se gli vai incontro, svaniscono. Ed è così che nonostante i nostri difetti continuiamo ad amarci. Anche se l’amore, soprattutto per il maschio, non fa sempre rima con fedeltà.