Domenica 27 Settembre16:38:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Attivista no vax condannata per fake news. Il Comune di Rimini: 'speriamo sia la prima di una serie di condanne'

Attualità Rimini | 12:56 - 13 Luglio 2018 Attivista no vax condannata per fake news. Il Comune di Rimini: 'speriamo sia la prima di una serie di condanne'

Un decreto di condanna al pagamento di una sanzione di 400 euro è stato inflitto a Modena, a un'attivista no vax per aver diffuso informazioni errate sui vaccini con dei manifesti. Come riporta 'La Gazzetta di Modena', la donna, che fa parte dei comitati contrari ai vaccini, è stata condannata dal gip, dopo la querela dell'Azienda Usl. I manifesti di sei metri per tre riportavano una fake news, ovvero che 21.658 bambini erano stati danneggiati dai vaccini, una cifra che, in realtà, è relativa alle segnalazioni arrivate all'Aifa. Il comitato aveva fatto ammenda, riconoscendo l'errore, ma l'Usl aveva comunque insistito per perseguire un'informazione falsa che avrebbe potuto disorientare i cittadini. 

Prima condanna a Modena per una campagna no-vax: il commento dell’Amministrazione Comunale di Rimini

Difendere la salute dei cittadini significa prima di tutto trasmettere una informazione corretta e trasparente. Partendo da questo presupposto, non si può che accogliere con soddisfazione la recente decisione del Gip di Modena riportata oggi dalla stampa che ha condannato gli autori di una campagna di affissioni pubblicitarie “no vax” lungo le strade della città emiliana. Una campagna pubblicitaria simile nei toni e nella forma a quella che è stata promossa anche a Rimini, riportando numeri privi di fondamento scientifico rispetto alle presunte reazioni avverse o danneggiamenti provocati dalle vaccinazioni. La diffusione dei messaggi, attraverso camion vela e in un caso anche con un impianto fisso, è stata subito portata all’attenzione della Procura, sia con un esposto del sindaco Andrea Gnassi, sia con una segnalazione formale da parte della Polizia Municipale. L’esposto del sindaco nasceva dalla considerazione che la diffusione di questi messaggi potesse contribuire a generare un clima di allarme nella cittadinanza, alimentando una disinformazione realmente pericolosa.

La condanna emessa dal Tribunale di Modena, pur traducendosi in un’ammenda pecuniaria limitata, è però fondamentale perché è un unicum nel panorama nazionale e mette un punto fermo rispetto ad una ‘battaglia’ di principio che questa Amministrazione ha voluto subito fare sua: pur nella legittimità delle opinioni personali, non si può fare campagna di disinformazione, usando anche toni, simboli e parole volutamente allarmistici, riportando messaggi del tutto privi di validità medica e che invece contrastano con dati e verità fondate e scientificamente confermate. Davanti a temi che sono alla base della vita di una comunità, come la tutela della salute e in particolar modo dei bambini, non è ammissibile dar spazio a messaggi superficiali più vicini nel contenuto e nello stile propaganda che alla divulgazione.

L’Amministrazione quindi si augura che questa posizione espressa dal Gip di Modena possa essere solo la prima di una serie di condanne e provvedimenti nei confronti di chi si è assunto la responsabilità di lanciare messaggi pericolosi per l’intera collettività.