Mercoledý 30 Settembre11:20:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO: Notte Rosa blindata, il bilancio dell'Arma parla di 20 arresti e 41 denunce. Marano zona ad alta criticità

Cronaca Rimini | 14:05 - 09 Luglio 2018

Che non sarebbe stato un fine settimana qualsiasi era ampiamente prevedibile e anche i numeri forniti dal comando provinciale dei carabinieri lo confermano. Il bilancio dell’Arma, relativo al lungo weekend della Notte Rosa, parla di 20 arresti e  41 denunce, un intenso lavoro durato 72 ore e coordinato dalla prefettura, durante le quali sono state circa 1100 le persone controllate, 150 le pattuglie e 300 i militari impiegati per garantire che l’evento potesse svolgersi nel modo più tranquillo possibile. Tra le zone di maggiore criticità, in concomitanza con manifestazioni di questo tipo, quella del Marano a Riccione. Non a caso i vertici dell’Arma hanno fatto presente, questa mattina nel corso di una riunione con il questore, alcune osservazioni al fine gestire al meglio la situazione in futuro. Quanto agli arresti e alle denunce, quasi completamente rappresentato lo spettro dei reati più comuni in occasioni simili. Tra i casi da segnalare quello avvenuto nel pomeriggio di sabato quando due italiani, classe ’84 e ’96 originari del Milanese, sono stati arrestati per tentato furto ai danni di un ristorante di Miramare. I due, approfittando del momento di pausa tra un turno e l’altro, con dei sassi hanno cercato di sfondare una vetrata posta sul retro ma sono stati notati da alcuni passanti che hanno dato l’allarme. All’arrivo dei militari uno si è steso a terra facendo finta di dormire, l’altro intento a prepararsi una sigaretta, ma sono stati incastrati da un testimone e dalle telecamere di video sorveglianza dell’esercizio. Sul fronte della sicurezza stradale 15 automobilisti sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza. Due di questi sono stati trovati con un tasso alcolemico di circa 2,5 g/l (il limite consentito è di 0,5) intenti, sempre in zona Miramare, a percorrere le rotatorie ad alta velocità e con il freno a mano tirato quasi fossero nel vicino circuito di Misano. Altri conducenti sono stati invece sorpresi alla guida con un tasso compreso tra 0,5 e 0,8 g/l. Ben 21, invece, i cosiddetti “pallinari” denunciati nel weekend, quasi tutti rumeni, per esercizio abusivo di gioco d’azzardo. Se la zona del litorale è stata quella in cui si è registrato un maggiore afflusso di presenze, non meno importante è stato il lavoro di controllo del territorio e di prevenzione svolto nell’entroterra. Sia in Valconca che in Valmarecchia si è lavorato in particolar modo per prevenire i furti nelle abitazioni lasciate incustodite dai proprietari che hanno inteso prendere parte ai festeggiamenti organizzati sulla costa.