Giovedė 01 Ottobre18:57:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione: lavori alla scuola Paese, alunni trasferiti, i dubbi del consiglio d'Istituto Zavalloni

Attualità Riccione | 13:54 - 09 Luglio 2018 Riccione:  lavori alla scuola Paese, alunni trasferiti, i dubbi del consiglio d'Istituto Zavalloni

Sono previsti a Riccione lavori strutturali  alla scuola elementare di Riccione Paese, se ne è parlato durante l’ ultimo Consiglio d'Istituto del 26 giugno durante il quale il Dirigente Scolastico Nicola Tontini ha illustrato la linea definitiva comunicatagli e concordata con l'Amministrazione in materia di edilizia scolastica. Tra le questioni stringenti l'intervento strutturale antisismico nella scuola primaria di Riccione Paese e la relativa sistemazione dei suoi alunni a cantiere aperto.

L'idea dell'Amministrazione è quella di trasferire i 120 alunni nei locali della scuola media di Via Ionio fino all'ultimazione dei lavori, prevista dall'Amministrazione per dicembre. Per questo contestualmente due classi delle medie, con almeno 50 alunni, dovrebbero a loro volta spostarsi da via Ionio nella scuola di via Alghero facendo così posto ai bambini delle elementari di Riccione Paese. Sullo sfondo di questi spostamenti, una volta terminato l'intervento su Riccione Paese, poi si paventa l'ulteriore trasferimento sempre in via Ionio degli oltre 100 alunni di Via Catullo, scuola che tra l'altro usufruisce anche del servizio di mensa. Da capire poi cosa succederà quando presumibilmente alla fine del prossimo anno scolastico inizieranno i lavori della nuova scuola di via Panoramica.

Il Consiglio d'istituto dell'Istituto Comprensivo Zavalloni saluta con soddisfazione i vari interventi di edilizia scolastica previsti, ma pone alcuni rilievi e domande sulle dinamiche all'orizzonte.

Perché invece di trasferire i 120 alunni delle elementari nelle medie di Via Ionio non si utilizza la scuola di via Cairoli oggi utilizzata come Centro delle Famiglie? Il trasferimento del servizio del Centro delle Famiglie, senza coinvolgere tra alunni e personale almeno 200 persone, sarebbe molto meno complicato ed eviterebbe il disagio didattico di far coesistere nella stessa scuola di via Ionio i bambini delle elementari e i ragazzi delle medie. Così si scongiurerebbero anche le difficoltà per gli alunni diversamente abili alle prese con gli spazi ridotti di via Ionio e relativi inconvenienti logistici.

Qual è l'effettiva situazione strutturale della Scuola di Via Catullo? Quali sono le intenzioni dell'Amministrazione nella gestione del suo futuro? Si chiedono conferme circa la conformità alle norme di sicurezza previste per le scuole.

A che punto è l'intervento per l'ampliamento della Scuola Fontanelle? Sono almeno quattro anni che se ne parla come intervento strategico. Se fosse stato portato a termine avrebbe evitato, durante gli interventi edilizi previsti oggi e nei prossimi anni, spostamenti e trasferimenti complicati, diventando sistemazione temporanea di qualità ed in linea con le esigenze didattiche.