Mercoledý 23 Settembre01:22:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Frode fiscale da 300 milioni nel mercato della carne: perquisizioni a Rimini

Cronaca Nazionale | 11:41 - 05 Luglio 2018 Frode fiscale da 300 milioni nel mercato della carne: perquisizioni a Rimini

Per una frode fiscale da quasi 300 milioni di euro messa in atto da una associazione per delinquere tramite un consorzio di società del settore della macellazione, 5 persone, tra cui 2 commercialisti, sono finite in carcere e 12 agli arresti domiciliari, per 4 liberi professionisti è stato applicato l'obbligo di firma e l'interdizione per un anno dall'esercizio dell'attività e il divieto di assumere uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese. E' questo il bilancio di un'operazione della Gdf di Rho nell'ambito dell'inchiesta  nella quale sono oltre 50 gli indagati. Le 21 ordinanze, eseguite in tutta Italia così come le numerose perquisizioni. Confiscati oltre 90 immobili, tra ville di lusso, appartamenti, ristoranti, locali notturni, 2 yacht, più di 200 compendi societari, conti correnti, disponibilità liquide, gioielli, 7 cassette di sicurezza per un valore complessivo di circa 60 milioni. 

Per l'operazione, condotta dai militari del comando provinciale della Gdf e chiamata 'The butchers', sono stati impiegati oltre 200 finanzieri che hanno eseguito arresti e perquisizioni in diverse province tra cui Rimini dove una persona è risultata coinvolta. Le indagini hanno permesso di smascherare l'esistenza di un sistema associativo e di ricostruire una frode ai danni dell' Erario del valore complessivo di quasi 300 milioni di euro, attuata mediante la costituzione di un consorzio di società operanti nel settore della macellazione e della lavorazione delle carni.