Domenica 20 Settembre06:09:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Detenuti tunisini danno fuoco agli arredi della loro cella dei 'Casetti': volevano il trasferimento in un altro carcere

Cronaca Rimini | 12:37 - 03 Luglio 2018 Detenuti tunisini danno fuoco agli arredi della loro cella dei 'Casetti': volevano il trasferimento in un altro carcere

Due detenuti tunisini hanno dato fuoco agli arredi della propria cella. E' quanto accaduto alle 13 di lunedì al carcere dei Casetti di Rimini. I due nordafricani hanno inscenato la pericolosa protesta, perché esigevano di essere trasferiti in un altro carcere. La Polizia Penitenziaria, visto il fumo uscire dalla cella, ha immediatamente dato l'allarme e ha tratto in salvo i suoi occupanti. Non si sono registrate persone intossicate. Ne dà notizia il Sappe, Sindacato della Polizia Penitenziaria, attraverso il delegato regionale Massimiliano Vitale: "straordinaria professionalità dei colleghi che hanno risolto nel migliore dei modi la situazione". Il Sappe richiama l'attenzione dell'opinione pubblica sulla mancanza di turnover del personale e sull'innalzamento dell'età media: "Il 90% del personale ruota intorno ai 50 anni e manca un ricambio generazionale. Al momento, tutti, hanno più di 25 anni di servizio e, da almeno 20 anni, non arrivano agenti giovani usciti dalle scuole. Anche sul fronte dei rinforzi estivi, le altre forze dell'ordine possono contare su almeno 400 unità mentre, la Penitenziaria, è stata lasciata a sè stessa nonostante tutte le promesse fatte dagli esponenti politici".