Marted́ 22 Settembre13:58:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Lo Ior in spiaggia a Rimini: obiettivo insegnare a prendere il sole in sicurezza

Sanità Rimini | 17:12 - 29 Giugno 2018 Lo Ior in spiaggia a Rimini: obiettivo insegnare a prendere il sole in sicurezza

Torna “Good Sun Good Skin”, l’iniziativa dell’Istituto Oncologico Romagnolo realizzata in collaborazione con la Skin Cancer Unit dell’IRST IRCCS di Meldola contro il melanoma. Il progetto di prevenzione, che ha ricevuto il patrocinio di Destinazione Turistica Romagna comprendente le province di Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna e che l’anno scorso ha toccato otto località della riviera romagnola, ha già vissuto i primi due appuntamenti: il primo a Cesenatico, giovedì 28 giugno, al Bagno Romeo; mentre il secondo si è tenuto il giorno successivo, venerdì 29 giugno, presso il Fantini Beach di Cervia.
 
La prossima settimana i volontari IOR e l’equipe del prof. Ignazio Stanganelli sbarcheranno ufficialmente sul lungomare riminese per tre tappe da non perdere. Si inizia martedì 3 luglio a Bellaria, presso il Bagno 42; mercoledì 4 luglio sarà il turno del Bagno Kauai 6/7 a Rimini; mentre giovedì 5 luglio l’iniziativa arriverà a Riccione, presso il Bagno Battarra 93/94. Si tratta solo di un primo assaggio di “Good Sun Good Skin” per il litorale: dopo la pausa imposta dagli eventi previsti per il weekend della “Notte Rosa”, lo IOR tornerà già a partire dall’inizio della settimana prossima: lunedì 9 la prevenzione giungerà al Bagno 60 Village di Rimini, mentre martedì 10 proseguirà al Bagno 107 Green Beach della stessa città. Tutti gli eventi verranno realizzati a partire dalle ore 9.30.
 
L'obiettivo principale è la sensibilizzazione dei bagnanti, per fornire loro indicazioni pratiche su come valutare e riconoscere i rischi derivanti da un’esposizione errata al sole e su come adottare tutte le precauzioni possibili. A tale scopo verranno distribuiti anche quest’anno strumenti informativi per guidare le persone durante tutta la giornata, dai depliant realizzati ad hoc fino alla donazione ai bambini presenti di braccialetti fotosensibili per riconoscere le ore della giornata in cui è meglio restare sotto l’ombrellone. Questi ultimi verranno anche coinvolti attraverso un percorso ludico, denominato ACCA2IOR: un gioco pensato appositamente per i più piccoli, di modo da sensibilizzarli anche sull’importanza di una corretta alimentazione.
 
“Innanzitutto va sottolineato come le spiagge della nostra Riviera siano sicure, controllate, a misura di famiglia – spiega Andrea Gnassi, Presidente di Destinazione Romagna e Sindaco di Rimini – non è un caso che da queste parti, circa 50 anni fa, un imprenditore si sia inventato il Publiphono. Fa parte o no della colonna sonora della nostra vita la frase ‘si è perso un bambino… porta un costumino giallo’? Poi l’arenile attrezzato di tutto, da quando l’alluce tocca la sabbia a quando ti spazzoli i piedi dai granelli, lasciandoti il mare alle spalle. C’è un senso inarrivabile e unico di protezione su queste spiagge, un contesto di sicurezza quasi famigliare. In questa direzione si muove questa bellissima iniziativa dello IOR. ‘Good Sun Good Skin’ mette a disposizione medici qualificati e coinvolgenti percorsi divulgativi a portata di tutti, nei luoghi tradizionali della vacanza. Un format curioso e intelligente di fare prevenzione medico sanitaria, attivando conoscenze di livello. Il senso è quello dell’utilità, il contesto è quello della protezione in senso più largo rispetto a quello della pelle. Le nostre sono spiagge fantastiche e soprattutto chi ci viene si sente a casa. E si sa, in una famiglia tutti fanno di tutto affinché ogni persona stia bene”.
 
“Uno studio recente ha dimostrato come un bambino su quattro, in Italia, ha riportato almeno una scottatura solare durante la propria vita – afferma il prof. Ignazio Stanganelli – e quasi due su dieci al mare sono restii ad usare creme o cappellini per proteggersi dai danni dei raggi ultravioletti. Nei primi 20 anni di età si può concentrare sino all'80% dell'esposizione solare: ma proprio le scottature prese nell'infanzia sono il principale fattore di rischio per il melanoma, perché la pelle memorizza il danno e può innescare il tumore nei soggetti predisposti anche a diversi anni di distanza. Riduzione della dose cumulativa solare, evitare esposizioni prolungate in una giornata, limitare le esposizioni nella fascia centrale della giornata, indossare maglietta e cappellino, applicare filtri solari a protezione alta rappresentano tutte armi per una buona prevenzione”.
 
Questo il calendario completo degli eventi restanti:
Martedì 3 luglio, Bellaria, Bagno 42
Mercoledì 4 luglio, Rimini, Bagno Kauai 6/7
Giovedì 5 luglio, Riccione, Bagno Battarra 93/94
Lunedì 9 luglio, Rimini, Bagno 60 Village
Martedì 10 luglio, Rimini, Bagno 107 Green Beach
Mercoledì 11 luglio, Marina Romea, Bagno Corallo
Venerdì 13 luglio, Cattolica, Regina Beach 9-11
Venerdì 27 luglio, Punta Marina, Bagno Bologna e Bolognino