Mercoledý 23 Settembre07:16:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO: negozianti 'spacciano' documenti falsi e raggirano un cliente. Lui va dai Carabinieri, ma finisce denunciato

Cronaca Cattolica | 12:56 - 27 Giugno 2018

Un cittadino bengalese di 31 anni si era rivolto a un connazionale e a una donna ucraina per ottenere una patente contraffatta. Raggirato, ha denunciato il fatto ai Carabinieri. Ma ora dovrà rispondere davanti alla legge del reato di uso di atto falso. I Carabinieri di Riccione, al termine delle indagini, hanno denunciato per ricettazione altre quattro persone. Il bengalese 34enne a cui si era rivolto il connazionale come intermediario; la coppia che gestisce un negozio di chincaglieria a Cattolica, formata da un 35enne bengalese e da una 33enne ucraina, e che si era impegnata a procurare il documento contraffatto; l'ucraino 29enne che ha portato in Italia il documento falso, in realtà una patente ucraina risultata rubata. I primi contatti tra il protagonista della vicenda e la coppia di negozianti di Cattolica risalgono al novembre 2017. Lui aveva versato 1000 euro, facendo riprendere l'incontro con il telefono cellulare da un amico, per avere una prova dell'avvenuto pagamento. Quando gli è stata consegnata la patente, gli sono stati però richiesti altri 1000 euro. E il documento non era né uno bengalese, né una patente italiana. Capendo di essere stato raggirato, il 31enne si è rivolto ai Carabinieri, finendo però a sua volta denunciato.