Lunedė 22 Ottobre19:24:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Violenza in struttura sanitaria: operatrice aggredita e insultata. A processo figlia di un'anziana: prescritte le accuse

Cronaca Riccione | 08:56 - 16 Maggio 2018 Violenza in struttura sanitaria: operatrice aggredita e insultata. A processo figlia di un'anziana: prescritte le accuse

Aveva alzato le mani su un'operatrice socio sanitaria e l'aveva apostrofata con epiteti ingiuriosi, mentre con le sorelle si trovava a fianco dell'anziana madre, adagiata su una barella e ricoverata in una struttura sanitaria della Valconca. La sentenza di II° grado ha però sancito la prescrizione delle ipotesi di reato a carico di una 72enne della Valconca -difesa dagli avvocati Moreno Maresi e Giorgia Fabbri - accusata di lesioni personali volontarie, minacce e ingiurie (depenalizzata già in I° grado) verso l'operatrice socio sanitaria, una 67enne di Riccione. L'imputata in I°grado era stata condannata a 1000 euro di multa, al risarcimento danni in sede civile (2000 euro) e al pagamento delle spese processuali. Aveva presentato querela a sua volta, contro l'operatrice socio sanitaria, che, difesa dall'avvocato Raffaele Moretti, è stata però assolta delle accuse di lesioni e ingiurie. I fatti avvennero nell'agosto 2010: l'operatrice socio sanitaria fu prima aggredita verbalmente, poi graffiata al collo e alle braccia e anche colpita con alcuni pugni. Quando intervennero altri presenti a separare le due donne, la 72enne passò alle minacce. L'operatrice socio sanitaria fu medicata al pronto soccorso per lievi traumi subiti nella colluttazione.

Area SondaggiIl sondaggio

Chiusura domenicale dei negozi, sei d'accordo?