Mercoled 19 Giugno00:20:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Parapiglia tra gestori del ristorante, due imprenditori finiscono in tribunale accusati di truffa

Cronaca Riccione | 05:39 - 12 Maggio 2018 Parapiglia tra gestori del ristorante, due imprenditori finiscono in tribunale accusati di truffa

Negano fermamente le accuse due noti imprenditori del mondo della notte, di 47 e 57 anni, accusati di truffa, mentre il più anziano dei due deve anche rispondere di estorsione. A puntare il dito contro di loro, in merito alla gestione di un locale sulla spiaggia di Riccione, con annesso ristorante, è un 40enne riminese, che li accusa di non aver mantenuto la promessa di farlo entrare in società, nascondendogli peraltro il dissesto economico della stessa, facendogli però spendere denaro per pagare fornitori e utenze. Il contenzioso tra le parti scoppiò proprio in occasione di una festa organizzata per Capodanno: una serata che non riscontrò il favore dei partecipanti. Essi si lamentarono della qualità del cibo, del fatto che il locale fosse troppo freddo e ci furono anche problemi all'impianto audio. I due imputati, difesi dall'avvocato Stefano Caroli, sostengono che il querelante fosse socio a tutti gli effetti e aveva semplicemente perso soldi per la sua incapacità di gestire il locale. Così quella notte ci fu un aspro confronto proprio a seguito delle lamentele della clientela. I testimoni della difesa, citati in giudizio per venerdì 11 maggio, erano presenti quando scoppiò il parapiglia. Secondo il querelante, costituitosi parte civile e rappresentato dall'avvocato Paolo Ghiselli, in quell'occasione il 57enne ha minacciato una ritorsione nei suoi confronti, qualora avesse denunciato il comportamento dei due imprenditori.