Sabato 27 Novembre15:10:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Furti e spaccate a Santarcangelo, Confesercenti chiede più sicurezza e tutela

Attualità Santarcangelo di Romagna | 11:54 - 09 Marzo 2018 Furti e spaccate a Santarcangelo, Confesercenti chiede più sicurezza e tutela

I recenti fatti di cronaca riguardanti furti e spaccate a Santarcangelo, preoccupa la Confesercenti locale. In una nota viene ribadito che il tema sicurezza "non è stato affrontato con provvedimenti incisivi dall’Amministrazione Comunale e dagli organi preposti al controllo del territorio".

Non solo la sicurezza ma anche il contrasto alle attività illecite ed abusive è da proseguire. La richiesta è di una maggiore attenzione da parte dell'amministrazione comunale al centro commerciale naturale di Santarcangelo.




Di seguito la nota stampa di Confesercenti Santarcangelo.

Una preoccupante escalation di spaccate e furti ai danni delle attività commerciali della città porta ancora alla ribalta il tema sicurezza, già segnalato da diversi anni ed in varie occasioni dalla nostra Associazione, ma che ancora non è stato affrontato con provvedimenti incisivi dall’Amministrazione Comunale e dagli organi preposti al controllo del territorio.

Per i nostri associati oltre alla sicurezza anche il contrasto alle attività illecite ed abusive è fondamentale per portare avanti le esigenze delle imprese, cioè fare commercio ed offrire dei servizi ai clienti in una realtà vivace e frequentata, ma anche sicura e dove si opera nel rispetto delle leggi.

Ci risulta che ad oggi non vi è stato riscontro alla lettera inviata il 23 dicembre 2017 dalla Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici della Provincia di Rimini con la quale denunciava fermamente la situazione di illegalità nella quale svolgono la loro attività alcune realtà, ben note all’amministrazione, creando una significante concorrenza sleale.

Chiediamo quindi attenzione per il nostro centro commerciale naturale, un comparto che produce economia, luogo di lavoro di tante persone ed anche polo di riferimento della cittadinanza, che rimane tale solo se, oltre alla sicurezza vi è il rispetto di tutti i regolamenti stilati volti alla salvaguardia della vivibilità ed alla civile convivenza del commerciante, del cliente e del residente.


< Articolo precedente Articolo successivo >