Lunedý 05 Giugno06:20:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Costretto a pagare i debiti dei figli, 85enne vende barca di lusso e finisce a processo per bancarotta

Cronaca Rimini | 06:46 - 08 Marzo 2018 Costretto a pagare i debiti dei figli, 85enne vende barca di lusso e finisce a processo per bancarotta

Aveva venduto la barca per aiutare i figli imprenditori, ma l'imbarcazione era intestata alla sua società, per questo si è trovato a rispondere del reato di bancarotta per distrazione. L'uomo, un 85enne ex imprenditore, è a processo davanti al Tribunale collegiale di Rimini per rispondere di fatti legati al fallimento, avvenuto nel 2013, della sua società, che si occupava della vendita di piatti, posate e casalinghi per alberghi e ristoranti. Una società intestata all'anziano e che veniva gestita dai suoi figli con l'aiuto del padre. Mercoledì 7 marzo in udienza hanno preso parola alcuni testimoni della difesa, nominati dall'avvocato Nicolò Durzi, che a sua volta ha prodotto in giudizio alcuni documenti: l'85enne ha acquistato la barca con soldi dal proprio conto personale, accollandosi anche tutte le spese di manutenzione e pulizia. L'ex imprenditore nega l'intenzione di aver frodato i creditori, tanto più che il denaro, incassato dalla vendita della barca, è stato impiegato per pagare delle pendenze urgenti della società: la vendita è avvenuta infatti durante il periodo della liquidazione prefallimentare. All'imputato è contestata anche la bancarotta semplice, in base al comma 4 dell'art.217, per aver aggravato il proprio dissesto, astenendosi dal richiedere la dichiarazione del proprio fallimento. Anche questo addebito è respinto dall'imprenditore, che lamenta i tempi lunghi della giustizia italiana: l'uomo infatti aveva fatto causa ad alcuni istituti bancari per i tassi di interesse, relativi ad alcuni prestiti, ritenuti usurai ed era convinto con i risaricmenti di poter appianare i debiti e far ripartire la società.

< Articolo precedente Articolo successivo >