Lunedý 06 Aprile04:51:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

TD Rimini campione italiano di staffetta duathlon, Riccione secondo: gara spettacolo a Caorle

Sport Rimini | 13:37 - 25 Febbraio 2018 TD Rimini campione italiano di staffetta duathlon, Riccione secondo: gara spettacolo a Caorle

Il Triathlon-Duathlon Rimini è campione italiano di staffetta duathlon, nella gara disputatasi domenica 25 febbraio a Caorle. Il forte vento proveniente dalla Siberia ha complicato la prestazione degli atleti, ma la squadra riminese è riuscita a distinguersi, conquistando il gradino più alto del podio grazie a Federica Parodi (terza nell'individuale), Sara Papais (seconda), Mattia Camporesi (tra i primi 15) e Giulio Soldati (quarto). Al secondo posto i cugini del Triathlon Team Riccione, terza la società Minerva Roma. Il TD Rimini difende così il titolo conquistato nel 2017 a Riccione.


Nella prima frazione le più veloci ad arrivare in zona cambio sono state Federica Parodi con Costanza Arpinelli del Minerva e Asia Mercatelli di Riccione. Nella frazione in bici Eleonora Peroncini del Cus Parma ha superato il gruppo di testa, con 32 secondi di vantaggio. La Parodi ha reagito comunque con grande bravura, riuscendo a dare la staffetta a Soldati con 15 secondi di vantaggio sulla Arpinelli, mentre la Mercatelli scivola al quinto posto.  Seconda frazione con testa a testa tra Valerio Cattabriga del Minerva Roma e Soldati, che riesce a distaccare l'avversario di una ventina di secondi prima di dare il cambio alla Papais, mentre per Riccione Sharon Spimi subentra ad Alessio Crociani. La Papais prende il comando della gara ed è salita in bici con oltre 40 secondi di vantaggio su Fulvia Caterini della Minvera. Distacco abbondante per Sharon Spimi che però si esalta nella parte in bici, riducendo il distacco sulla Caterini. Strepitosa la prestazione della Spimi  che segue la Papais a 25 secondi, ma la riminese riallarga il distacco fino a 50 secondi.  Nell'ultima frazione Mattia Camporesi difende 25 secondi di vantaggio, ne perde 5 sulla bici di fronte a Niccolò Strada, come sempre un 'gigante' in bici, ma riesce a difendere il primo posto.