Marted́ 07 Dicembre13:45:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Licei Einstein, Serpieri e Guerra di Novafeltria partecipano al progetto 'Un pozzo di scienza'

Attualità Rimini | 12:20 - 16 Febbraio 2018 Licei Einstein, Serpieri e Guerra di Novafeltria partecipano al progetto 'Un pozzo di scienza'

Internet of things, Big Data, cyber security, fake news: ma siamo preparati alla rivoluzione informatica che mira a trasformare e semplificare le nostre vite? Per non farsi cogliere del tutto impreparati Società 4.0 - futuro e rivoluzione digitale è il tema della dodicesima edizione di un pozzo di scienza, il programma didattico di Hera per le scuole secondarie di 2° grado, dove studenti, esperti e ricercatori discuteranno dei tanti vantaggi che la tecnologia ha portato alle nostre attività. 104 incontri, 39 workshop game conference, 176 laboratori e 19 visite ai dipartimenti scientifici impegneranno 1.211 classi, prenderanno il via da Rimini il 19 febbraio e si concluderanno il 14 aprile a Ferrara.  Il progetto è patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna e vede anche quest’anno la collaborazione di ComunicaMente.
 
A Rimini 68 classi tra incontri, workshop e laboratori
Partiranno lunedì 19 febbraio le attività didattiche nei licei “Einstein” e “Serpieri”, nell’ISISS “Guerra” di Novafeltria e proseguiranno fino a sabato 24 con 10 incontri, 7 laboratori e 3 game conference e workshop per circa 1.700  alunni distribuiti su 68 classi in 4 istituti superiori.
Gli incontri scientifici che hanno registrato più iscrizioni sono: “Intelligenza artificiale: rivoluzione buona o cattiva?”, in cui si cercherà di affrontare il dualismo che divide gli esperti, e “Cos’è la società 4.0”, per capire come sta cambiando l’industria con i nuovi sviluppi del digitale. Per quanto riguarda i laboratori, il più richiesto è “Pacchi in viaggio”, un esperimento che metterà alla prova i ragazzi con la pianificazione logistica delle merci.
 
 
Più di 500 proposte avviate sui territori
Ben 33 gli incontri a tema scienza, ambiente, economia e salute, a cura di docenti dell’Università di Bologna, Ferrara e Padova, affiancati da Immaginario Scientifico Science Center di Trieste e Tecnoscienza, ai quali parteciperanno oltre 20.000 studenti in dibattiti interattivi con esperti, ricercatori e giornalisti. Tornano anche i laboratori “hands-on” per indagare l’interazione uomo-macchina e il mondo “smart” attraverso il nuovo gioco di ruolo PlayDecide. Grande adesione ha ricevuto il Workshop sulle fake news, tema di attualità e rovescio della medaglia della real-time communication. Infine, le classi usciranno dalle aule per le visite ai Dipartimenti Scientifici delle Università del territorio.
 
Science Day: le sfide tra scienza e creatività
Grandi novità nel 2018: quest’anno, tutte le classi potranno sfidarsi non solo nel tradizionale Click Day, la gara all’ultimo click sugli argomenti trattati in questa edizione, ma anche nel nuovissimo Smart Day, una competizione che durerà per tutto il periodo dello svolgimento del Pozzo, terminerà il 18 aprile e premierà la creatività dei ragazzi alle prese con video, testi, esperimenti o prototipi prodotti sul tema. Ben due classi vincitrici potranno andare insieme in visita al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano.
 
Evento conclusivo dell’edizione 2018 sarà la consueta Maratona Fotografica DISTURbo, il gioco a squadre che tra maggio e giugno riempirà le città di Bologna e, da quest’anno, invaderà anche Riccione di fotografi in erba. I premi saranno tanti e il Premio Hera, andrà al team che meglio avrà interpretato i target fotografici legati ai temi di un pozzo di scienza 2018.
A Bologna l’appuntamento è per sabato 5 maggio, mentre a Riccione il 23 giugno.

< Articolo precedente Articolo successivo >