Martedì 07 Dicembre14:10:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il bel gesto: 'hai una bimba grave in ospedale, ti lascio il mio posto'. Appello per trovare il generoso riminese

Attualità Rimini | 05:38 - 18 Febbraio 2018 Il bel gesto: 'hai una bimba grave in ospedale, ti lascio il mio posto'. Appello per trovare il generoso riminese

Internet, e in particolare i social network, negli ultimi anni sono diventati la bacheca ideale per annunci, mercatini, pubblicità di eventi e anche per cercare vecchi amici o qualcuno di cui non si hanno più notizie. Sulla pagina facebook seidiriminise, nei giorni scorsi, è apparso un appello di una ragazza che racconta una storia emozionante e ricca di umanità. Nel 2014 Gianna trascorse un mese e mezzo in pediatria con la sua figlia di 8 anni ricoverata per una grave malattia. Durante quei giorni la vita comunque faceva il suo corso e Gianna fu costretta a recarsi all’ACLI di Rimini per sbrigare alcune pratiche. Arrivò in ufficio circa un’ora prima della chiusura ma i numeri per prenotarsi erano già terminati. Gianna si mise comunque in fila dietro alle circa 25 persone già in attesa, sperando di riuscire a fare i documenti che le servivano e tornare così dalla sua bambina in ospedale. Mentre aspettava si accorse di un giovane sui trent’anni circa che la guardava, il ragazzo le si avvicinò e le chiese : “ Tu hai una bambina ricoverata in pediatria vero?” Gianna annuì e il giovane le diede il suo numero dicendo “ Tieni, tu ne hai più bisogno di me, tra tre numeri è il tuo turno”. Le fece l’occhiolino e se ne andò. Gianna, travolta dall’emozione, potè così sbrigare in fretta le sue pratiche e tornare presto in ospedale. 

Sono trascorsi 4 anni da quell’ episodio ma Gianna non ha mai dimenticato il bel gesto di quel ragazzo, che non aveva mai visto prima, né ha mai più visto dopo quel giorno. Non ha mai smesso di pensare a lui e desidererebbe incontrarlo di nuovo per poterlo ringraziare di quel piccolo gesto di gentilezza che per un attimo ha alleviato il suo dolore e la sua preoccupazione per la figlia malata. Ha scritto dunque il suo appello nella speranza che il giovane si faccia vivo, ma tra chi ha commentato c’è anche chi è convinto che si possa trattare di un angelo, apparso per darle un attimo di conforto e poi subito scomparso.

Se il protagonista di questo episodio sta leggendo e volesse incontrare Gianna, può scrivere al numero per le segnalazioni ad Altarimini.it o mettersi in contatto con lei sulla pagina di seidiriminise rispondendo al suo appello. A meno che non si tratti davvero di un angelo.

< Articolo precedente Articolo successivo >