Lunedì 29 Novembre04:44:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Museo egizio, sindaco Gnassi: 'Rimozione direttore? Lo assumiamo noi al nuovo 'Fellini' di Rimini'

Attualità Rimini | 16:14 - 12 Febbraio 2018 Museo egizio, sindaco Gnassi: 'Rimozione direttore? Lo assumiamo noi al nuovo 'Fellini' di Rimini'

"Gentilissimo dottor Greco, sicuramente non accadrà perché contrario a leggi, logica, numeri, buonsenso, progetti attuati, ma se mai l'allucinante/divertente 'editto bulgaro' di Fratelli d'Italia nei suoi confronti sortisse il suo effetto, Le dico già che il futuro Museo Internazionale Federico Fellini di Rimini sarebbe onorato di offrirle la direzione". Esordisce così la lettera aperta che il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha indirizzato al direttore del Museo Egizio di Torino Christian Greco in seguito alle recenti polemiche e all'ipotetico licenziamento del dirigente.
"E' impressionante - ha detto Gnassi - il solo fatto di minacciarlo: un'eccellenza culturale italiana a cui si promette il licenziamento senza avere non solo alcuna base giuridica ma anche qualsiasi argomento minimamente plausibile". E quindi conclude il sindaco "Rimini sarebbe lieta di accogliere tra le sue braccia un uomo e un professionista di straordinarie capacità, in grado di far fare un salto culturale alla gestione dei beni culturali e intellettuali, divulgandone la conoscenza e l'attualità. Quanto deve far rosicare quella Sua frase 'la cultura è universale'. Quello appunto che vogliamo fare con il Museo Internazionale Federico Fellini, un luogo di scambio, relazioni nel nome dell'intelligenza, della creazione artistica, della cultura come asset per modificare in meglio una città, un paese, sia fisicamente che moralmente".
"La ragione - precisa Gnassi nella sua lettera - dice che questo non accadrà mai vista la natura societaria e statutaria privata che sostiene il Museo Egizio di Torino, visti gli straordinari risultati in termini di presenze (800 mila all'anno), autorevolezza, credibilità, che ne fanno una delletre strutture museali italiane più visitate e conosciute al mondo"

< Articolo precedente Articolo successivo >