Luned́ 25 Ottobre10:34:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

I biglietti offensivi lasciati sulle auto gli costano caro, pagherà oltre 3000 euro. Condannato riminese

Cronaca Rimini | 16:56 - 31 Gennaio 2018 I biglietti offensivi lasciati sulle auto gli costano caro, pagherà oltre 3000 euro. Condannato riminese

Tre bigliettini lasciati sul parabrezza delle automobili, dai toni infervorati, gli sono costati 3052 euro. E' stato infatti condannato a 52 euro di multa, per minacce, un 35enne riminese, protagonista di una 'guerra' a suon di bigliettini con alcuni residenti del Borgo San Giuliano. Un conto più salato, di altri 3000 euro, considerando il risarcimento all'unica persona costituitasi parte civile, un ragazzo assistito dall'avvocato Mirco Renzi. La vicenda ebbe inizio nell'autunno 2012. Fu un bigliettino, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a scatenare l'ira del 35enne. Una ragazza, residente nel Borgo, aveva lasciato un biglietto sull'automobile parcheggiata davanti alla propria abitazione, chiedendo al proprietario di lasciare lo spazio libero, per facilitare alcuni lavori in corso nell'appartamento. La reazione del 35enne fu veemente: la vettura della ragazza rigata e un bigliettino di risposta sul parabrezza: "La prossima volta il bigliettino dte lo faccio ingoiare". Da lì iniziarono danneggiamenti ad altre auto, una delle quali di proprietà dell'unico ragazzo che ha fatto seguire la costituzione di parte civile alla querela, 

mentre in altri due casi apparvero altrettanti bigliettini. I danneggiamenti e le ingiurie sono stati oggetto di depenalizzazione da parte del legislatore, ma difficilmente la vicenda avrà un seguito con altri procedimenti in sede civile, visto che la maggior parte dei danneggiati non si è costituita parte civile. Per il reato di minacce il riminese è stato condannato, ma il suo avvocato Luca Nebbia è pronto ad agire in appello. Non c'è certezza infatti, dalla perizia calligrafica, che l'imputato fosse l'autore dei tre bigliettini incriminati, ma solo un'alta probabilità. 

< Articolo precedente Articolo successivo >