Giovedý 21 Ottobre23:16:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Incomprensioni sul contratto di affitto, due studenti universitari lo registrano e si ritrovano accusati di truffa

Cronaca Rimini | 06:23 - 28 Gennaio 2018 Incomprensioni sul contratto di affitto, due studenti universitari lo registrano e si ritrovano accusati di truffa

Studenti affittuari di una appartamento si sono ritrovati accusati di truffa dalla proprietaria. La vicenda è arrivata in Tribunale a Rimini: venerdì 26 gennaio dovevano essere sentiti i due Carabinieri che avevano identificato i denunciati, ma la loro testimonianza è slittata in primavera. Gli imputati sono un 30enne originario della Calabria e una 33enne di Misano: a fine 2012, assieme a una ragazza albanese, avevano trovato alloggio in un appartamento di Rimini. Secondo la proprietaria, i due ragazzi avevano tardato la consegna di tutte le copie dei documenti di identità, rendendo impossibile la stesura del contratto successivo all'accordo preso verbalmente, perché il loro obiettivo era quello di ottenere un contratto di affitto di quattro anni, più quattro, attraverso la "cedolare secca", la normativa introdotta dallo Stato per regolarizzare gli affitti in nero. La ragazza albanese, restituendo le chiavi immediatamente, non è stata denunciata dalla padrona di casa. I due affittuari, difesi oggi nel processo dagli avvocati Liana Lotti e Alessandro Buzzoni, hanno comunque lasciato l'abitazione.

< Articolo precedente Articolo successivo >