Sabato 19 Ottobre20:42:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Polemiche a Coriano per l'eliminazione del rosso dallo stemma, ecco la spiegazione del Sindaco

Attualità Coriano | 12:27 - 20 Gennaio 2018 Polemiche a Coriano per l'eliminazione del rosso dallo stemma, ecco la spiegazione del Sindaco

A Coriano è polemica per la decisione dell'amministrazione comunale di togliere il colore rosso dallo stemma. La stessa amministrazione fa chiarezza: "La nostra decisione di restituire verità alla verità è riferita sia ai documenti ufficiali sia alla descrizione dello stemma comunale presente nello Statuto, il quale rappresenta una sorta di Costituzione del Comune, vale a dire la norma più importante dell’Ente".

La descrizione riportata dallo Statuto, adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 70 del 23 ottobre del 2000, riporta: “Tre monti d’argento accostati in campo azzurro; quel di mezzo più alto cimato di cuore d’argento; due laterali sormontati da giglio d’oro; il tutto entro una corona a tre fiorani e due punte perlate”. L'amministrazione spiega: "In Consiglio Comunale tutti i consiglieri hanno votato a favore del ripristino dei colori dello stemma previsti dallo Statuto".

Sul colore rosso, presente in un cuore sulla foto dello stendardo apparsa sui social: "Si tratta di uno stendardo che - come dichiara lo stesso collezionista - è di origini religiosee che veniva utilizzato dalla Parrocchia per le processioni religiose. E’ noto che nell’iconografia ecclesiastica larappresentazione del cuore è quasi sempre rossa".

L'amministrazione spiega di aver ripristinato i colori dello stemma, "non sulla base della storiografia e iconografia ecclesiastica, né sulla base di memorie storiche del 1952, ma su quanto esattamente riportato sullo Statuto comunale e confermato senza dubbio alcuno su tutti i gonfaloni utilizzati in questo comune nel tempo", aggiungendo inoltre che "al momento dell’adozione dello Statuto la scelta di allora di colorare i monti e il cuore di colore argento sia stata determinata dalla volontà di affermare la laicità dell’istituzione".