Sabato 25 Maggio09:24:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pennabilli, "Burro" trent'anni fa il film con Renato Pozzetto e Pierino: amici fuori e dentro il set

Attualità Pennabilli | 07:07 - 22 Gennaio 2018 Pennabilli, "Burro" trent'anni fa il film con Renato Pozzetto e Pierino: amici fuori e dentro il set

Il regista e sceneggiatore Tonino Guerra amava così tanto Pennabilli da aver ambientato la sceneggiatura di uno dei suoi film proprio in questo paese che negli anni 80 l’ha “adottato”.
Nel 1989, infatti, Pennabilli diventa la location di Burro, con la regia di Josè Maria Sanchez e Renato Pozzetto come protagonista. Burro è lo scemo del villaggio, innamorato perdutamente di un’attrice di cinema (interpretata da Elena Sofia Ricci) perché convinto che l’attrice durante i film, dallo schermo guardi proprio lui. Burro vede il volto della ragazza in ogni donna che incontra e anche nel volto di una zingara che le predice che incontrerà un cane nel quale si è reincarnata l’anima del padre defunto.
Nel film sono state ingaggiate come comparse molti abitanti di Pennabilli, in particolare Pietro Guerrini che ebbe un ruolo vero e proprio. Pietro non è un attore, ai tempi del film era un giovane trentenne che lavorava nella pizzeria di famiglia ed era poco interessato al fermento che l’arrivo della troupe aveva creato in paese. Ma una sera tutto lo staff andò a cena in pizzeria, Sanchez fu ben presto affascinato dall’allegria e dalla risata contagiosa di Pietro e con molte insistenze lo convinse a presentarsi sul set per fargli svolgere il ruolo di Silvano, l’unico amico di Burro.
Pietro lavorava in pizzeria, quando lo chiamavano correva sul set, recitava la sua parte e poi tornava al suo lavoro. Uscì da Pennabilli solo per girare una scena nelle serre che ai tempi si trovavano a Torre Pedrera, e poi durante il montaggio fu chiamato a Roma per doppiare se stesso e aggiungere la sua bellissima risata in un paio di scene. Non aveva nessuna ambizione di diventare ricco o famoso o di trarre qualche vantaggio dalla situazione. E questo piacque a Pozzetto col quale si instaurò un’amicizia che perdurò anche negli anni a seguire. Ogni volta che Renato Pozzetto si trovava dalle parti di Rimini, saliva a Pennabilli per mangiare nella vecchia osteria ormai chiusa del paese e chiamava Pietro per rivederlo. Quando il film fu completato Pietro tornò alla sua solita vita e con i soldi del’ingaggio comprò una mountain bike che ancora conserva.
Oltre a una piccola parte in una trasmissione tv negli anni 90, le luci della ribalta non si posarono più si Pietro Guerrini, che però ricorda con affetto quei mesi in cui recitò accanto a Renato Pozzetto, contagiando tutti con la sua allegria che ancora oggi fa divertire chiunque lo incontri.