Lunedì 25 Ottobre09:59:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Colpo grosso in un'abitazione, ladro pensionato a processo per furto. Lui nega: ma c'è un testimone

Cronaca Bellaria Igea Marina | 07:04 - 10 Gennaio 2018 Colpo grosso in un'abitazione, ladro pensionato a processo per furto. Lui nega: ma c'è un testimone

Un colpo in un'abitazione di Bellaria, che fruttò un bottino da 10.000 euro, ha portato alla denuncia di un pensionato forlivese di 74 anni, a processo con l'accusa di furto aggravato in concorso con ignoti. I fatti risalgono all'ottobre 2015: un cittadino italiano di origine meridionale e un cittadino albanese denunciarono ai Carabinieri di aver visto due malviventi calarsi dalla grondaia dopo il furto, fornendo il numero di targa del mezzo a bordo del quale erano scappati. Il mezzo, un Fiat Ducato, è risultato intestato al pensionato. I Carabinieri, durante le indagini, disposero il riconoscimento fotografico dell'indagato: uno dei due testimoni - che saranno sentiti anche in udienza - riconobbe nella foto del pensionato il volto dell'uomo alla guida del mezzo, quindi un terzo complice dei due ladri, ignoti, che si erano introdotti nell'abitazione, portando via soldi e gioielli per un valore complessivo di circa 10.000 euro. L'altro testimone invece ha negato che alla guida del furgone ci fosse il 74enne. A complicare la posizione del pensionato, secondo gli inquirenti, i numerosi contatti telefonici con uomini dell'Est Europa. Conoscenze che, secondo l'avvocato difensore Enrico Graziosi, sarebbero semplicemente legate ai trascorsi professionali del suo assistito, impiegato nel settore edile. Durante il processo saranno sentiti anche i Carabinieri che hanno svolto le indagini, che hanno compreso l'esame delle immagini del circuito di videosorveglianza. I Militari hanno analizzato anche la posizione dalla quale i testimoni affermano di aver visto il furgone partire, per verificare l'attendibilità delle loro parole.

< Articolo precedente Articolo successivo >