Domenica 20 Gennaio12:15:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Novafeltria, stupro di gruppo dopo la serata in un locale: 40enne lasciata in strada dopo la violenza. Tre indagati

Cronaca Novafeltria | 07:14 - 06 Gennaio 2018 Novafeltria, stupro di gruppo dopo la serata in un locale: 40enne lasciata in strada dopo la violenza. Tre indagati

Il 14 dicembre è partito dalla Procura di Rimini l'avviso di conclusione delle indagini su un caso di violenza sessuale denunciato da una 41enne rumena, che ha accusato tre uomini, tutti pregiudicati, di avere abusato di lei in un casolare nei pressi del Comune di Novafeltria, in Alta Valmarecchia. I fatti risalgono al 9 aprile 2016: la donna aveva conosciuto uno dei tre indagati, un 47enne albanese, in un locale. Lui si era offerto di riaccompagnarla a casa, invece con una scusa la portò nel casolare di proprietà di un 38enne italiano: qui ci fu la violenza sessuale di gruppo, secondo la denuncia della rumena, che coinvolse anche un terzo uomo, un altro italiano di 47 anni. La 41enne prima subì un colpo al volto e delle minacce dall'albanese, poi, sempre secondo il suo racconto, i tre l'avrebbero costretta a rapporti sessuali. Abbandonata sulla strada, era stata soccorsa da un automobilista. Sull'accaduto erano scattate le indagini da parte dei Carabinieri di Novafeltria, mentre il fascicolo in procura è stato affidato al Sostituto Procuratore Davide Ercolani. Decorsi i 20 giorni per la presentazione di nuove richieste difensive, il Gip dovrà pronunciarsi sul rinvio a giudizio dei tre indagati: il 47enne albanese è difeso dall'avvocato Paolo Gasperoni, il suo coetaneo italiano dall'avvocato Rachele Grassi, mentre il più giovane è assistito dall'avvocato Liana Lotti. I presunti molestatori si sono finora avvalsi della facoltà di non rispondere e confidano in un'archiviazione delle accuse. In caso contrario il processo entrerà nella fase dibattimentale.