Mercoledý 14 Aprile02:34:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caso Guerrina, chiesta conferma a 27 anni per Padre Graziano. Accusa punta su depistaggi e bugie del congolese

Cronaca Novafeltria | 16:58 - 14 Dicembre 2017

Giovedì 14 dicembre si è aperto a Firenze il processo d'appello sul caso di Guerrina Piscaglia, la donna originaria di Novafeltria scomparsa il primo maggio del 2014. L'imputato è Padre Graziano, religioso congolese condannato a 27 anni di reclusione in primo grado. Durante l'udienza Padre Graziano, affiancato dall'avvocato Riziero Angeletti, è apparso visibilmente teso, in particolar modo durante l'arringa del Sostituto Procuratore Luciana Piras, che ha chiesto la conferma della condanna pronunciata dalla Corte D'Assise di Arezzo il 24 ottobre 2016. A sostenere il teorema accusatorio, in particolare, l'invenzione di un fantomatico 'Zio Francesco', un personaggio che Padre Graziano avrebbe visto in compagnia di Guerrina, giorni dopo la scomparsa della donna. L'avvocato difensore ha sempre asserito l'assenza di elementi tali da giustificare una condanna a 27 anni di reclusione. Guarda il VIDEO.

Aggiornamenti:
Caso Guerrina, sentenza in Corte d'Appello. Piccolo sconto di pena per Padre Graziano

< Articolo precedente Articolo successivo >