Marted 21 Novembre03:29:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Raffaello Rinaldi, bandiera del Novafeltria Calcio: dall'esordio a 15 anni al primato in classifica

Sport Novafeltria | 12:32 - 15 Novembre 2017 Raffaello Rinaldi, bandiera del Novafeltria Calcio: dall'esordio a 15 anni al primato in classifica

Un addetto ai lavori, presente al Comunale di Novafeltria, ha commentato così la vittoria per 1-0 sul Vis Misano: "Non prende mai gol, impossibile segnare a questa squadra". Dopo dieci giornate il Novafeltria, capolista del girone H, ha solo quattro gol al passivo, miglior difesa del campionato: ne ha subiti due in trasferta, contro Morciano e Sant'Ermete, due in casa nell'unica sconfitta, con il Miramare. Un Novafeltria solido, concreto, che esce fuori alla distanza nelle gare, a dimostrazione anche di un'ineccepibile condizione fisica. Merito dei dettami di mister Achille Fabbri, merito dei giocatori che sono riusciti a concretizzare le sue idee di calcio. In difesa, causa infortuni, Fabbri ha alternato gli uomini, con il Misano nel secondo tempo ha giocato da esterno della difesa a tre Paolo Gori, impiegato finora come esterno di centrocampo. La certezza si chiama Raffaello Rinaldi, classe '91, il capitano della squadra. Rinaldi è il regista del reparto difensivo, lui e Farabegoli (impiegato a centrocampo) hanno in mano le chiavi della squadra. Negli anni passati 'Raffo' faceva spesso la spola tra difesa e centrocampo, a seconda delle necessità, con Fabbri invece ha sempre ricoperto una sola posizione, quel ruolo che negli anni '80 e '90 veniva chiamato 'libero'. Buona tecnica, capacità di impostare l'azione e senso dell'anticipo, ma soprattutto, a 26 anni, già un ricco bagaglio di esperienza che gli permette di avere una chiara lettura delle situazioni di gioco. Rinaldi è inoltre il rigorista della squadra e un abile esecutore di calci piazzati; contro il Verucchio ha sbloccato la partita con un pregevole tocco al volo e in questa stagione ha già segnato due reti. Nonostante la giovane età, Raffaello è già un veterano. Cresciuto nel vivaio gialloblu, con un'esperienza nelle giovanili del Perugia, Rinaldi ha esordito a 15 anni in Prima Categoria, contro il Bakia, nella stagione 2006-07. Pupillo di Federico Rossini, si è fatto apprezzare l'anno successivo anche da Antonio Bianchi, allenatore della Colonnella che ancor'oggi elogia il valore di Rinaldi e di Ceccaroni, altro giocatore da lui allenato in quell'esperienza a Novafeltria. Raffaello ha proseguito la carriera nella Juniores del San Marino, giocando poi da titolare due stagioni in Prima Categoria con la maglia del Novasecchiano. Nell'estate 2011 la ripartenza dalla Terza con la neonata società dell'allora presidente Cima, investito del ruolo di capitano e leader indiscusso dall'allenatore Gianluca Zucchi. Rinaldi ha portato avanti gli studi in scienze motorie a Bologna, è entrato nel prestigioso settore giovanile felsineo come allenatore, ma non ha mai voluto abbandonare la maglia gialloblu. Dopo un campionato vinto in Seconda, il sogno di tutta la piazza è quello di difendere la vetta della classifica fino all'ultimo minuto dell'ultima giornata. E se per la vittoria finale fosse decisivo un calcio di rigore, 'Raffo' si presenterà sul dischetto senza paura: un sentimento sconosciuto per chi - a 15 anni - si gettava con determinazione nelle battaglia di centrocampo e per chi, da 18enne, marcava senza timore un 'califfo' delle aree di rigore come Sossio Aruta. 

Riccardo Giannini

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia