Marted 21 Novembre03:51:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Morciano: via libera all’introduzione di due nuovi licei, linguistico e delle scienze umane

Attualità Morciano | 15:10 - 14 Novembre 2017 Morciano: via libera all’introduzione di due nuovi licei, linguistico e delle scienze umane

Un altro passo in avanti verso l’introduzione di due nuovi licei (linguistico e delle scienze umane-pedagogico) per l’istituto ‘Gobetti – De Gasperi’ di Morciano di Romagna. Il semaforo verde alla proposta è arrivato martedì mattina nel corso della Conferenza provinciale di coordinamento sul tema della scuola, che ha visto la partecipazione degli amministratori locali della provincia di Rimini, dell’Ufficio Scolastico provinciale Forlì-Cesena e Rimini, dei dirigenti scolastici e della Camera di Commercio. Nell’ambito della conferenza è stato espresso parere positivo alla variazione dell’offerta formativa dell’istituto morcianese grazie all’attivazione di due nuovi indirizzi di studio.
 
Il voto di questa mattina fa seguito a quello espresso il 3 ottobre scorso dal collegio dei docenti dell’I.S.I.S.S. ‘Gobetti – De Gasperi’, quando con larghissima maggioranza era stata approvata sia l’istanza di apertura del liceo linguistico (105 favorevoli su 106 votanti, 99%) per coprire l’offerta orientata al turismo del territorio ed ai rapporti con gli stati e le culture estere, sia quella del liceo delle scienze umane (95 favorevoli su 106 votanti, 89,6%) per rispondere alla richiesta di figure educative del territorio o comunque rivolte alle relazioni umane e alle dinamiche sociali e socio-economiche. Decisione successivamente ratificata all’unanimità anche dal Consiglio comunale di Morciano. Per rendere la proposta operativa manca ora il parere della Regione Emilia – Romagna, atteso entro la fine del mese.
 
Tra le motivazioni che hanno spinto il Collegio docenti ad adottare la proposta: 1) “La possibilità di offrire un’istruzione liceale per formare studenti orientati a corsi universitari, al fine di colmare il gap di formazione universitaria attualmente presente nel territorio della Valconca” 2) “L’assenza di un liceo linguistico statale nelle zone limitrofe (quello di Rimini si trova a Viserba), e la distanza considerevole del liceo delle Scienze Umane di Rimini dall’area della Valconca (almeno 28 km); analogo discorso vale per l’area di Pesaro; 3) “La possibilità di ampliare e completare l’offerta formativa, cercando di incentivare le iscrizioni femminili (attualmente solo il 30% del totale degli iscritti), in un istituto che al momento è più sbilanciato su una componente maschile” 4) “I possibili sbocchi lavorativi offerti sia dal liceo delle scienze umane che da quello linguistico”.
 
Dichiarazioni del sindaco di Morciano Giorgio Ciotti: “La scuola è di per se stessa fattore di crescita territoriale nella misura in cui è capace di garantire il successo formativo di ogni singolo studente e dotarlo di quelle capacità umane e professionali utili al suo pieno inserimento nella società contemporanea. Con la decisione di oggi, ancora più importante considerata la unanimità dei pareri, la conferenza territoriale ha creato le condizioni affinché l'intera area della Valconca e del Marano possano contare su una formazione di qualità, utile alle famiglie e alle imprese. La pubblica amministrazione locale può aiutare a costruire quelle eccellenze scolastiche che nella nostra società globalizzata garantiscono il futuro dei nostri giovani e delle nostre imprese.  L'impegno del Comune di Morciano sarà quello di supportare e accompagnare, secondo le proprie competenze, nel rispetto della autonomia scolastica, il percorso di crescita delle scuole morcianesi ed in particolare di questi due nuovi percorsi liceali affinché gli stessi trovino conferma nel tempo, qualità negli spazi e nei servizi resi”.
 
Già concordato un incontro con la dirigente scolastica, professoressa Daniela Massimiliani, al fine di avviare una capillare campagna informativa nei confronti degli studenti delle scuole medie e dei loro genitori. La campagna toccherà tutte le scuole che orbitano attorno all’area della Valconca.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia