Mercoledý 28 Ottobre03:39:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rugby Rimini San Marino, prima partita di campionato si chiude senza nessun punto

Sport Rimini | 10:12 - 18 Ottobre 2017 Rugby Rimini San Marino, prima partita di campionato si chiude senza nessun punto

La prima partita del campionato di Serie C2 girone Emilia Romagna, che ha visto l'Amarcord Rugby Rimini San Marino affrontare la Reno Rugby Bologna, si è conclusa con un inusuale pareggio "calcistico" per 0 a 0. Nessuna delle due squadre è infatti riuscita a segnare punti nel corso degli 80 minuti. Un pari che, nonostante i due punti guadagnati in classifica, va stretto alla formazione italo-sammarinese che si è resa più volte pericolosa, sfiorando la meta in almeno due occasioni.

La cronaca del match vede l'Amarcord partire più forte e spostare l'azione del gioco nella metà campo avversaria. Proprio sul più bello però, il mediano di apertura di giornata, Davide Giardi, viene ammonito per un fallo in ruck. Dopo solo 6 minuti anche la Reno Bologna viene sanzionata con un cartellino giallo per un altro fallo in ruck, riportando un sostanziale equilibrio in campo. Al minuto 33 l'Amarcord commette fallo nei propri 10 metri e la Reno tenta di sbloccare il risultato calciando ai pali, ma la pedata è corta e la difesa locale libera calciando fuori. Nella ripresa coach Borsani apporta un paio di cambi: dentro Ugolini per Bernabè in mischia e Fiore per l'esordiente Bakal nei tre quarti. I padroni di casa tornano in campo decisi a marcare la meta e mettono ben presto in difficoltà gli avversari con un paio di sventagliate al largo, che però naufragano alla luce di errori di handling. Al 60' entrano in campo tutte le forze fresche dell'Amarcord: pochi minuti più tardi per due volte gli italo-sammarinesi sfiorano l'obiettivo, prima con Trivisonne e poi con Dlugaszek, ma entrambi perdono il pallone in avanti a un soffio dalla meta nel tentativo di concludere l'ultimo passaggio. Al 71' l'arbitro fischia fallo nei 22 metri della Reno e nonostante la posizione angolata i padroni di casa tentano la via dei pali con Daniele Frisoni. Il calcio è forte, l'ovale sorvola il palo intento e per i giudici di linea non può essere considerato dentro. Il risultato rimane così invariato e anche gli ultimi tentativi falliscono a causa di falli o perdita della palla.

Sarà una settimana di lavoro intenso per coach Borsani e per l’allenatore della mischia Ettore Velato, per preparare al meglio le tre difficili trasferte consecutive in Emilia. La prima, domenica 22 ottobre sul campo dell' Highlanders Formigine Rugby ASD.

Formazione: Simone Frisoni, Edoardo Cagnolati (all'esordio), Bakal Bondje Emmanuel (all'esordio), Giulio Luzio, Daniele Frisoni, Davide Giardi, Ivan Pretelli, Simone Siboni, Giulio Mastellari, Gianni Bernabè, Andrea Mini, Gianluca Deluigi, Alessandro Francioni, Simone Trivisonne, Lukas Dlugaszek.  disposizione Alessandrio Fiore, Thomas Borroni, Daniele Susini, Lorenzo Montanari, Arturo Ugolini, Davide Bacciocchi.

Allenatore Giovanni "Baffo" Borsani.

Inizio migliore per la formazione Under 16 del Rimini Rugby che in trasferta ha incontrato i coetanei del Cesena Rugby. Una formazione composta quasi interamente di giovani appena saliti di categoria, che entrano in campo visibilmente emozionati e pagano la poca lucidità incassando una meta non trasformata. La doccia fredda ha un effetto “tonificante” ed i ragazzi iniziano a macinare gioco portandosi nella metà campo avversaria. Il Cesena incomincia ad impensierirsi, perde di efficacia e subisce il pareggio. I ragazzi del Rimini, nonostante alcune carenze ed ingenuità tecniche, rimangono protagonisti in campo e grazie al decisivo apporto dei veterani passano in vantaggio. Alla ripresa il Cesena entra in campo deciso a riprendere in mano le sorti della partita davanti al pubblico di casa, accorciando prontamente le distanze. La reazione dei rivieraschi è immediata e, una volta ricompattate le fila, sfruttano abilmente il nervosismo dei cesenati consolidando il vantaggio. L'incontro si conclude con una vittoria sofferta. Atleti presenti: Marco Comandini, Edoardo Conoscitore, Michele De Luigi , Nicholas Donati, Riccardo Elminti, Pietro Guidi, Diego Iuliano, Nicola Mancini, Diego Mangione, Alessandro Marcianò, Matteo Piccari, Andrea Piscaglia, Yakson Ripari, Thomas Sparaventi, Alessandro Tanase, Alberto Ugolini.