Martedė 17 Ottobre06:05:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, Bonus teleriscaldamento per famiglie in difficoltà, la giunta approva il sostegno economico

Attualità Rimini | 11:49 - 13 Ottobre 2017 Rimini, Bonus teleriscaldamento per famiglie in difficoltà, la giunta approva il sostegno economico

La Giunta comunale ha approvato l'erogazione anche per l'anno 2016 di un sostegno economico ai cittadini residenti allacciati alle reti di teleriscaldamento o utilizzatori d’impianti termici alimentati a GPL delle zone non metanizzate del Comune di Rimini.

Si tratta della misura di sostegno denominata Bonus Teleriscaldamento-GPL, che sarà erogata attraverso un bando pubblico adottando i medesimi criteri di quelli previsti dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) per il cosiddetto Bonus Gas, che propone un regime di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di gas naturale a favore delle famiglie meno abbienti e numerose.

Con la delibera approvata martedì, infatti, la Giunta ha confermato i criteri per l’accesso alle misure di sostegno, che saranno riservate ai nuclei familiari con ISEE inferiore a 8.107,50 euro o inferiore a 20.000 euro nel caso di nuclei con più di 3 figli.

In particolare, per i consumi effettuati nel corso del 2016, l'importo massimo del contributo sarà pari a 150 euro per i nuclei familiari fino a 4 componenti, e potrà salire fino a 213 euro per i nuclei familiari oltre i 4 componenti.

Col provvedimento adottato, che prevede per l’anno 2016 una spesa fino a 10.000 euro, la Giunta restituisce così parità di trattamento tra tutti i cittadini a prescindere dalle scelte tecniche per il riscaldamento degli edifici.

Le domande si potranno presentare a partire da lunedì 16 ottobre fino a venerdì 17 novembre 2017 presso l'Ufficio Bandi e ISEE del Comune di Rimini in via Ducale.

Dal 2009 al 2015 sono state  257 le domande presentate per accedere al bonus, mentre quasi 58.000 euro sono stati i benefici economici erogati per come sconto in bolletta.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia