Martedė 17 Ottobre06:33:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Saludecio, al via le sistemazioni delle strade vicinali, stanziati 120mila euro

Attualità Saludecio | 11:03 - 13 Ottobre 2017 Saludecio, al via le sistemazioni delle strade vicinali, stanziati 120mila euro

Il Comune attraverso il Consorzio di bonifica avvia la sistemazione delle strade vicinali. E’ stato infatti siglato lo schema di accordo per l’attuazione del programma operativo triennale 2018/2020 per i fondi consortili, con la programmazione e il finanziamento dei lavori di manutenzioni straordinaria delle strade vicinali di uso pubblico. Questo tipo di strade svolgono un ruolo importante per la viabilità, in quanto garantiscono l’accessibilità capillare a tutto il territorio, e costituiscono un supporto essenziale all’attività produttiva degli operatori agricoli. Con le loro scoline e fossette sono inoltre delle vere e proprie vie d’acqua per il deflusso delle piogge. Tra la quota del Consorzio di bonifica e il 10% aggiunto dal Comune di Saludecio, la cifra stanziata ammonta a 40mila euro all’anno, arrivando a 120mila euro in totale per i primi tre anni. L’amministrazione dovrà elencare le strade in cui intervenire, il consorzio si occuperà della progettazione, delle gare per l’affidamento dei lavori e della rendicontazione finale. 

Con la sigla dello schema di accordo finalmente il consorzio ridistribuisce sul territorio parte dei tributi che i cittadini pagano - commenta il sindaco di Saludecio, Dilvo Polidori -, si parla di cifre importanti investite per la sistemazione del territorio. Il consorzio ricevuta la lista delle strade nelle quali intervenire, si occuperà di tutto, sgravando di lavoro gli uffici comunali”.

I lavori di manutenzione straordinaria consistono nel ripristino di cunette di terra, risagomature di banchine, taglio della vegetazione ingombrante, espurgo di tombini, livellamento e baulatura della sede, riprese del manto stradale con pietrisco e stabilizzato, tagli laterali scola pioggia e rimozione di piccoli smottamenti. 

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia