Domenica 05 Dicembre07:08:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il 'cantiere poetico' di Santarcangelo chiude domenica, tra gli ospiti la cantante Nada

Eventi Santarcangelo di Romagna | 14:07 - 16 Settembre 2017 Il 'cantiere poetico' di Santarcangelo chiude domenica, tra gli ospiti la cantante Nada

La giornata conclusiva del Cantiere poetico di Santarcangelo, domenica 17 settembre, propone una serie di incontri con editori e autori in Piazza Ganganelli per la rassegna (In)Verso. In mattinata alle ore 11.30 Carta Bianca edizioni presenta il romanzo Due soldi di Ida Sangiorgi, con l’intervento della curatrice del libro Loretta Scarazzati (Associazione Parole Corolle).


Alle ore 16 il volume Cinema e terrorismo: la lotta armata sul grande schermo di Carmine Mezzacappa (Edizioni Pagina Uno) sarà presentato dell’autore intervistato da Walter Pozzi. 


Alle ore 17 Martino Ferrario di Casa Sirio Edizioni racconta il suo mestiere di (giovanissimo) editore: quali sono le prospettive per i giovani amanti della letteratura alle prese con il mestiere dell’editore?


Alle ore 18.30 per La grande piazza, un altro appuntamento molto atteso: Nada, eccezionale interprete di canzoni memorabili come Amore disperato, Il Cuore è uno zingaro e Senza un perché, incontra il pubblico e racconta la sua vita tra scrittura e musica a partire dal suo ultimo libro Leonida (Edizioni Atlantide). Sul palco a intervistare Nada ci sarà la giornalista Vera Bessone. 


Alle ore 21.30 al Teatro Il Lavatoio gran finale di (In)Verso e del Cantiere Poetico con Voci. 

Daniela Piccari e Andrea Alessi riproporranno in una nuova veste il progetto musicale dedicato ai tre grandi poeti santarcangiolesi Raffaello Baldini, Tonino Guerra e Nino Pedretti. Prima del concerto, in anteprima nazionale sarà presentata la nuova edizione del cd-libro Voci, tre grandi poeti in musica (Edizioni Interno4).


A seguire, Daniela Piccari (voce), Andrea Alessi (contrabbasso) e Dimitri Sillato (pianoforte) interpreteranno un repertorio inedito di Voci, su musiche di Andrea Alessi e poesie di Nino Pedretti cantate in dialetto. Solo per questa occasione, sul palco insieme ai tre musicisti ci sarà il graphic journalist ravennate Gianluca Costantini, che accompagnerà il trio disegnando dal vivo ritratti e parole ispirati alla figura di Pedretti.

Visitabile invece fino al 30 settembre negli orari di apertura della Biblioteca Baldini la mostra di disegni del graphic journalist ravennate Gianluca Costantini, tratta dal suo ultimo libro Le cicatrici tra i miei denti, antologia e ritratti di poesia in lotta (NdA Press 2017). Dalle ore 17 alle 19 di domani (domenica 17 settembre) l’autore sarà personalmente presente in mostra per un confronto con i visitatori e una piccola sessione di firma copie.

In caso di maltempo, l’incontro delle ore 18.30 con Nada sarà ospitato dalla Biblioteca Baldini, mentre la Mostra mercato dell’editoria indipendente e tutti gli altri appuntamenti del piccolo festival (In)Verso si sposteranno sotto il porticato del municipio.


La terza edizione del Cantiere poetico per Santarcangelo, dedicata a Nino Pedretti, è parte di un progetto innovativo avviato nel 2015 dall’Amministrazione comunale per riflettere sulla cultura della poesia che da molti decenni caratterizza la vita artistica e quotidiana della città. Con la produzione di nuove opere contemporanee, il Cantiere poetico per Santarcangelo mira ad approfondire e rinnovare nel tempo le relazioni fra la comunità e la sua identità poetica.


Il Cantiere poetico si propone quindi di immaginare collettivamente visioni di una nuova cultura popolare di ricerca, per il futuro e per le nuove generazioni, con l’intento dichiarato di tradurre il valore culturale del movimento letterario del “Circolo del giudizio” per raccontarlo – soprattutto ai giovani – attraverso un linguaggio più attuale, come quello della musica rap, della street art, dei social network, delle arti sceniche contemporanee. 


Con Nino Pedretti si chiude un ciclo progettuale di tre anni: dopo la dedica a Raffaello Baldini (2015) e a Giuliana Rocchi (2016), quest’anno il Cantiere poetico rende un doveroso tributo al più intellettuale dei poeti del Circolo.

< Articolo precedente Articolo successivo >