Sabato 16 Ottobre05:42:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cerca alloggio cameriere massacrato di botte da un balordo: mentre era in ospedale, il cane lo attendeva in strada

Attualità Rimini | 16:55 - 15 Agosto 2017 Cerca alloggio cameriere massacrato di botte da un balordo: mentre era in ospedale, il cane lo attendeva in strada

La loro storia ha commosso e allo stesso tempo indignato la popolazione riminese. La storia di Simone, 46enne originario di Gorizia, e della sua cagnolina Yuma: un uomo giunto a Rimini, perso il suo lavoro da maitre in un hotel del Trentino, per cercare di sbarcare il lunario e vittima, assieme alla sua fedele amica, della brutalità di un non identificato cittadino nordafricano. Un malvivente ubriaco che con una spranga li aggrediti mercoledì scorso, mentre Simone dormiva su una panchina, in viale Principe Amedeo. A prendersi cura dell'uomo in primis tre passanti che lo hanno tratto in salvo; in secondo luogo i medici dell'Infermi di Rimini. A seguito della dismissione dall'ospedale, è stata la Papa Giovanni XXIII a prendersi cura della vittima della brutale aggressione, 35 giorni di prognosi a causa delle contusioni, delle lesioni e delle fratture subite. Il cane è stato invece adottato dall'avvocato Paola Carli, che su Facebook ha fatto appello al buon cuore dei riminesi: Simone lascerà la Papa Giovanni XXIII proprio domani, 16 agosto e cerca un posto letto per un paio di settimane. Due settimane di riposo per riprendersi e poi Simone riprenderà la ricerca di lavoro, mentre la sua amata Yuma rimarrà presso la famiglia dell'avvocato Carli, vicino al luogo dell'aggressione. L'avvocato Paola Carli ha raccontato un aneddoto significativo del rapporto che lega lo sfortunato Simone alla sua cagnolina: dopo l'aggressione,  dal giardino in cui ora è accudito e coccolato, l'animale rivolgeva sempre lo sguardo verso la panchina sulla quale aveva visto per l'ultima volta il proprio padrone. Prima di ferragosto, Simone e Yuma si sono rivisti, un momento davvero commovente, come testimoniato da chi era presente. 



Foto di copertina dal portale di informazione l'adige.it; in fotogallery il cane Yuma (dalla pagina Facebook dell'avvocato Paola Carli).

< Articolo precedente Articolo successivo >