Sabato 17 Aprile15:38:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

8.378 visitatori per Packology

Eventi Rimini | 18:38 - 11 Giugno 2010 8.378 visitatori per Packology

Si è conclusa oggi a Rimini Fiera la prima edizione di Packology, il salone delle tecnologie per il packaging e il processing promosso da UCIMA - Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche e Rimini Fiera Spa.
Per quattro giorni, su 30.000 mq, 180 imprese leader della produzione industriale che vede l'Italia ai vertici mondiali hanno proposto eccellenze tecnologiche e innovazioni per il confezionamento e l'imballaggio nelle quattro macroaree del lay out espositivo: food, beverage, chimico/cosmetico/farmaceutico, logistica e imballi.
Tra i visitatori, i manager di grandi marchi multinazionali, fra gli altri, Bayer, Barilla, Ferrero, Novamont, Tetrapak, Unilever, Glaxo, Legacoop, ecc.: in totale 8.378 operatori dei quali il 19% stranieri, anche da India, Usa, Taiwan, Russia e Giappone.
Alta la soddisfazione degli espositori per la generazione di nuovi contatti, la definizione di innovativi progetti industriali e la firma di ordini, anche a conferma della ripresa che l'industria del packaging sta vivendo sin dall'inizio del 2010.
Oltre cento i buyers esteri da Grecia, Spagna, Turchia, Marocco, Egitto, Ucraina, Repubblica Ceca, Slovacchia, Bulgaria, Serbia, Montenegro, Croazia, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Slovenia, Balcani, ed Emirati Arabi. Per loro,  700 business meeting organizzati.
In fiera, i vertici di PMMI - Packaging Machinery Manufacturers Institute, l'associazione americana che rappresenta le imprese industriali delle macchine per il packaging, oltre ad una delegazione della tedesca VDMA Nahrungsmittelmaschinen und Verpackungsmaschinen.
92 i giornalisti accreditati a Packology 2010, dei quali 23 di testate straniere, compresa la partecipazione dei vertici della prestigiosa IPPO (International Packaging Press Organization).
Un filo rosso ha collegato gli eventi collaterali di Packology 2010 (grandi convegni, lezioni tecniche per gli addetti alle macchine di produzione delle aziende e workshop dedicati all'automazione industriale: la consapevolezza che la filiera del packaging sia indirizzata verso una produzione funzionale, attraente, sicura, riciclabile, utile e dal basso costo.

< Articolo precedente Articolo successivo >