Venerd́ 02 Giugno11:38:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

43mila euro di sanzione per un negoziante

Cronaca Rimini | 16:35 - 02 Aprile 2010 43mila euro di sanzione per un negoziante

Migliaia di oggetti sequestrati, sanzioni per 43mila euro e una denuncia per il titolare del negozio. E’ il risultato di un blitz effettuato questa mattina, in un negozio del centro storico di Rimini, dal reparto di Polizia amministrativa della Polizia municipale di Rimini insieme ai Carabinieri della stazione Destra del porto. Il controllo si inserisce nell’ambito dell’attività condotta regolarmente dalla Polizia municipale per assicurare la tutela dei consumatori sulla qualità delle merci e per prevenire l’immissione di prodotti non conformi alle normative e pericolosi.

L’operazione di stamane ha portato al sequestro di più di 1000 penne e puntatori laser di genere proibito dal Ministero della Sanità, potenzialmente molto rischiosi per la salute soprattutto se puntati contro gli occhi. Sequestrati anche più di 500 accendini giocattolo, estremamente pericolosi se in mano ai bambini, e circa 1500 giocattoli sprovvisti della marcatura CE di sicurezza. Tra questi, anche pezzi già sottoposti a divieto di commercializzazione da parte delle autorità europee in quanto di accertata tossicità.

Non basta: sempre all’interno dello stesso negozio sono stati posti sotto sequestro altri 800 prodotti di vario genere, anche elettrici, e circa 3000 pile, tutti posti in commercio senza le informazioni obbligatorie di legge e pertanto senza garanzia sulla provenienza e la conformità di sicurezza. I prodotti non riportavano neppure alcuna informazione su obblighi e modalità di smaltimento differenziato delle batterie, spesso impossibili da togliere, oltre che sulla loro effettiva composizione.

Non idonei ad un uso sicuro per la salute, infine, anche i circa 1000 occhiali posti in commercio senza marcatura CE e privi del corredo obbligatorio delle note di sicurezza previsto per i dispositivi medici, alcuni dei quali dovrebbero essere commercializzati solo da ottici professionisti.

Complessivamente verranno elevate sanzioni amministrative per circa 43.000 euro, oltre alla distruzione della merce sequestrata. Il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria per commercio di prodotti pericolosi, giochi non conformi alle normative comunitarie ed esercizio abusivo di professione sanitaria.

< Articolo precedente Articolo successivo >