Giovedý 26 Novembre10:44:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

100mila euro per progetti mirati al benessere

Attualità Rimini | 14:05 - 17 Aprile 2008 100mila euro per progetti mirati al benessere

Dalla Regione centomila euro a sostegno di progetti mirati al benessere della popolazione. In un periodo in cui, dal punto di vista socio-sanitario, sempre più si punta non semplicemente alla cura del paziente, ma alla “presa in carico” della persona a tutto tondo, l’Emilia Romagna si pone all’avanguardia con un bando (recentemente approvato dalla giunta di via Aldo Moro) rivolto ad enti pubblici e privato sociale no profit, per finanziare progetti che, promuovendo il benessere del soggetto, ne facilitino, quando necessario, l’inserimento o il reinserimento socio-lavorativo.

Più dettagliatamente, i soggetti ammessi ai finanziamenti (che deriveranno dal “Fondo sociale regionale”) sono Comuni, Ipab, aziende pubbliche di servizi alla persona, soggetti privati senza scopo di lucro iscritti ai rispettivi registri ed albi, Onlus. Questi dovranno redigere dei progetti mirati all’integrazione dei già esistenti Piani terapeutici e socio-assistenziali, a favore di persone, o gruppi di persone, già seguite dai servizi sociali o sanitari. Rientrano nei progetti anche le azioni di inserimento e re-inserimento sociale, la promozione del benessere complessivo delle persone seguite, nell’ottica di un consolidamento dei servizi esistenti o della creazione di servizi innovativi. I Progetti dovranno essere redatti entro due mesi dalla pubblicazione del bando e dovranno avere durata annuale. Lo stanziamento di centomila euro finanzierà i progetti fino al 40 per cento dell’importo, e comunque per non più di 12mila euro.
“E’ da tempo – commenta il consigliere regionale Roberto Piva, di Rimini – che la Regione Emilia Romagna ha promosso una riflessione sulle opportunità offerte dalle nuove attività di cura e benessere delle persone, anche attraverso  l’arte-terapia, le pratiche psicocorporee… Viene promosso, insomma, un approccio complessivo al paziente, che si rifà ai piani socio-sanitari già stilati dalle A.Usl, e lo completa.