Domenica 28 Maggio11:38:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Si è spento a Rimini Consalvo Babboni conosciuto come 'Vavo', professore amato e stimato

Attualità Rimini | 21:10 - 16 Febbraio 2017 Si è spento a Rimini Consalvo Babboni conosciuto come 'Vavo', professore amato e stimato

Giovedì  mattina, all’età di 64 anni, si è spento Consalvo Babboni, conosciuto da tutti  come Vavo.
Vavo era molto noto a Rimini. Negli anni del ’68, quando  affascinato dalla voglia di cambiamento  aderì al Movimento Studentesco, divenne uno dei protagonisti nella città. Successivamente si laureò in sociologia all’Università di Urbino e gli fu assegnata una cattedra  all’Istituto Tecnico per il Turismo “M.Polo”, dove insegnò per moltissimi anni marketing e tecnica turistica. Amante delle scienze umane, in seguito conseguì la laurea in filosofia, poi in psicologia e si specializzò ulteriormente a Padova in sessuologia. Grazie alle nuove competenze acquisite gli venne assegnata la cattedra di filosofia presso il Liceo di Scienze Umane “G.Cesare-M.Valgimigli”.
Negli ultimi tempi era però divenuto soprattutto punto di riferimento per tantissimi studenti in difficoltà e per le loro famiglie, ricoprendo il ruolo di consulente psicologo all’interno di varie scuole superiori della nostra città.
Chiunque abbia per qualche motivo incrociato il suo cammino con quello di Vavo, non può non ricordarsi di lui: appassionato ed energico, strenuo difensore della verità propria ed altrui, mai tiepido o indifferente, sempre sensibile ad interessato all’umanità tutta, senza pregiudizi né paure.
Leader naturale e per vocazione, durante gli anni della contestazione seppe trascinare e lottare in difesa dei diritti calpestati, facendosi spesso portavoce degli ultimi, non per moda o maniera, ma portandosi a casa propria tanti casi sociali raccolti per la strada, sfamandoli e procurando loro casa e lavoro.
La passione per lo studio ed il sapere lo portò a laurearsi e ad insegnare sin da giovanissimo; le sue ex-studentesse dell’Istituto Tecnico, oggi alla soglia della mezza età, lo ricordano ancora quando passava per i corridoi con il l’immancabile trench ed il sigaro in bocca, facendo battere i cuori di molte, e conquistando tutte, ma proprio tutte, quando entrava in classe e si metteva a gambe incrociate sulla cattedra, a filosofare e discutere per ore di teorie comportamentali e tecniche di ipnosi.
Da lì in poi non si è mai fermato, alla ricerca incessante di risposte alle tante, troppe domande che alimentavano una curiosità ed un’intelligenza sempre in movimento.
Da lì in poi non è mai invecchiato, ha continuato a scendere le scale di casa sempre di corsa, saltando i gradini, come solo i bambini fanno, ha coltivato ed inseguito sogni impossibili, amori burrascosi, amicizie profonde, ideali alti, senza preconcetti, sempre un po’ fuori dagli schemi, eterno  innamorato della vita. Negli ultimi anni si era avvicinato alla fede e dando un nuovo senso alla vita e alle prove che ha dovuto sopportare.
Le esequie si terranno sabato 18 febbraio alle ore 15 presso la chiesa di San Fortunato a Covignano di Rimini. Veglia di preghiera venerdì 17 alle ore 20,30 nella stessa chiesa.

Concorso - Gioca e Vinci con Altarimini!
In palio biglietti Benji e Fede

Benji e Fede all'Arena della Regina Cattolica il 25 Giugno. Partecipa e vinci i biglietti! Note: ogni singolo vincitore riceverà due biglietti. Vincitori e accompagnatori dovranno recarsi alla cassa con un documento di identita'. I loro nomi saranno già accreditati per l'ingresso gratuito.

biglietti Benji e Fede

Concorso n°113/2017 - Premi in palio: 1 coppia biglietti

Scade il 11/06/2017

INIZIA A GIOCARE! Archivio Concorsi
Area SondaggiIl sondaggio

Spostamento campo nomadi a Rimini, cosa ne pensi?