Marted 28 Marzo10:42:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO: Teatro, Giobbe Covatta apre la stagione 2017 del "Pazzini" targato "Fratelli di taglia"

Spettacoli Verucchio | 15:38 - 16 Dicembre 2016

Mercoledì 18 gennaio scatta la stagione 2017 del teatro “Eugenio Pazzini” di Verucchio, quest’anno affidato alla gestione della compagnia “Fratelli di taglia”, aggiudicatasi il bando comunale, dopo il decennio dell’associazione culturale “Verucchio Teatri e Musiche”. Ricco il cartellone degli spettacoli ispirato, come affermato dal direttore artistico Giovanni Ferma, alla leggerezza ma “una leggerezza riflessiva”. Si parte dunque il 18 gennaio con la “Divina commediola” di Giobbe Covatta che interpreterà il poeta napoletano Ciro Alighieri. Sabato 4 febbraio sarà la volta di Maria Paiato che porterà in scena il racconto scritto da Ennio Flaiano “Una e una notte”. Il sabato successivo toccherà a Ivano Marescotti che si esibirà con il suo monologo “Lui, un quaion qualsiasi” mentre sabato 24 sul palco del “Pazzini” salirà il cabarettista di Zelig e Colorado, tra gli altri, Leonardo Manera che proporrà il suo “Italian beauty” ispirato ai vizi, ai difetti e alle virtù degli italiani. A chiudere la stagione, a fine aprile, saranno proprio i Fratelli di taglia che porteranno in scena il capolavoro di Ludovico Ariosto “Orlando furioso”, a 500 anni dalla sua stesura. Non mancherà, infine, lo spazio per le commedie dialettali con rappresentazioni a cura di associazioni e compagnie del territorio.

Concorso - Gioca e Vinci con Altarimini!
In palio biglietti Giorgia

Giorgia al 105 Stadium di Rimini il 15 Aprile. Partecipa e vinci i biglietti! Note: ogni singolo vincitore riceverà due biglietti. Vincitori e accompagnatori dovranno recarsi alla cassa con un documento di identita'. I loro nomi saranno già accreditati per l'ingresso gratuito.

biglietti Giorgia

Concorso n°111/2017 - Premi in palio: 1 coppia di biglietti

Scade il 03/04/2017

INIZIA A GIOCARE! Archivio Concorsi
Area SondaggiIl sondaggio

Spostamento campo nomadi a Rimini, cosa ne pensi?