Martedė 19 Settembre18:41:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Uno Speciale Tg1 da Rimini sul Protocollo contro la pubblicità sessista

Attualità Rimini | 17:27 - 08 Giugno 2013 Uno Speciale Tg1 da Rimini sul Protocollo contro la pubblicità sessista

Dopo gli apprezzamenti arrivati dal presidente della Camera Laura Boldrini, un altro riconoscimento del valore del lavoro che il Comune di Rimini sta portando avanti sul fronte delle politiche di genere. Oggi pomeriggio una troupe del Tg1 è arrivata a Rimini per realizzare uno speciale dedicato al “Protocollo contro la pubblicità sessista e per la corretta comunicazione in ordine ai generi”, approvato nel luglio 2012 e poi sottoscritto dalle agenzie di comunicazione ed alcuni media e firmato da vari enti tra cui Rimini Fiera, Dipartimento Scienze e Qualità della Vita dell’Università di Bologna, Romagna Acque. Il Protocollo prevede l'impegno del Comune di Rimini, anche su segnalazione dei cittadini, a denunciare all'Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria di Milano le comunicazioni commerciali che vengano ritenute lesive della dignità dei generio che contenga elementi di omofobia e transofobia.

Oltre all’intervista all’assessore alle Politiche di genere Nadia Rossi, il servizio ha dato modo di approfondire l’attività portata avanti dall’amministrazione comunale sulle politiche di genere, con un focus sull’attività della Casa delle Donne, dell’associazione Rompi il silenzio onlus e dello sportello d’ascolto. "Siamo soddisfatti che la nostra azione, pur nella sua semplicità, abbia destato interesse a livello nazionale - spiega l'assessore Nadia Rossi - Non è la prima volta che siamo chiamati a raccontate e spiegare la nostra attività e siamo orgogliosi che venga presa ad esempio". "Un'esperienza che nasce da una richiesta che arriva dal basso, dalla gente. Abbiamo scoperto  - conclude l'assessore - un territorio molto attento e sensibile che se, debitamente coinvolto, sa dare grandi risposte".

Lo Speciale Tg1 andrà in onda il 23 giugno alle 23.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini calcio, ancora protagonista?